Scambia tumore per frattura, muore 20enne: medico condannato per omicidio colposo

Scambia tumore per frattura, morto 20enne: medico condannato per omicidio colposo (Getty)
Scambia tumore per frattura, morto 20enne: medico condannato per omicidio colposo (Getty)

Aveva scambiato un tumore per una frattura e il paziente è morto dopo 17 mesi di agonia. Per questo un chirurgo ortopedico è stato condannato in via definitiva per omicidio colposo.

Il medico nel 2013 fece una diagnosi sbagliata a Domenico Natale, 20enne poi morto per le conseguenze di quell'errore. Il ragazzo decise di farsi visitare alla casa di cura Nuova Itor di Roma perché aveva un forte dolore a un ginocchio. La diagnosi fu quella di frattura causata da partita di calcetto, sebbene il 20enne non ricordasse contrasti particolarmente gravi.

In realtà Domenico aveva un tumore, evidente già dalle lastre, ma il medico non lo riconobbe e decise di operare il ragazzo.

GUARDA ANCHE: Paolini seminudo in centro a Roma: mio padre morto per malasanità

Passato poco tempo dall’intervento, il tumore, un osteosarcoma molto aggressivo, andò in metastasi. Nemmeno il disperato tentativo di amputare la gamba ha dato scampo al ragazzo che è poi morto il 30 ottobre 2014.

Dopo otto anni di battaglie legali, i legali dei genitori sono riusciti a dimostrare che è stato l’errore medico a causare la morte di Domenico. Il chirurgo è stato infatti condannato per omicidio colposo. Inizialmente era stato citato in giudizio anche un radiologo, poi assolto.

GUARDA ANCHE: Grazie al latte materno diagnosi precoce di tumore al seno

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli