Scandalo finte cremazioni, Ama: gi sospesi dipendenti coinvolti

Red/Gtu
·1 minuto per la lettura

Roma, 17 lug. (askanews) - "Come gi comunicato lo scorso 18 maggio, sono stati immediatamente sospesi dal servizio e dalla retribuzione i dipendenti coinvolti nell'inchiesta della Procura della Repubblica a seguito delle indagini dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma su ipotesi di condotte illecite nell'espletamento di alcune operazioni cimiteriali all'interno del Cimitero di Prima Porta", cos Ama interviene nuovamente sulla vicenda delle finte cremazioni, dopo il video shock pubblicato da Il Messaggero, dove i dipendenti sezionano un cadavere dopo l'estumulazione per gettarlo nell'ossario comune. "I dipendenti, per i quali subito scattato anche un procedimento disciplinare, resteranno sospesi dal servizio sino all'esito del procedimento stesso", sottolinea Ama, ricordando che "la vicenda emersa anche grazie alle segnalazioni e alla collaborazione dell'azienda con le Autorit competenti". "Ama Spa - conclude l'azienda - si considera a tutti gli effetti parte lesa, continuer a offrire la massima collaborazione agli inquirenti e non esiter ad assumere ulteriori iniziative anche a tutela della propria immagine".