Scandalo Giochi in Giappone, interrogato ex capo comitato olimpico

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 set. (askanews) - Le indagini sulle tangenti attorno all'organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo che si sono tenute lo scorso anno si allargano sempre più. L'ex presidente del Comitato olimpico giapponese ed ex vicepresidente del comitato organizzatore dei Giochi estivi Tsunekazu Takeda è stato interrogato su base volontaria dagli inquirenti. Lo scrive oggi l'agenzia di stampa Kyodo.

Takeda, 74 anni, è stato interrogato come testimone nel caso che riguarda Haruyuki Takahashi, ex alto funzionario del comitato organizzatore, che avrebbe ricevuto mazzette da due compagnie in cambio dell'aiuto per l'ammissioni delle azinde nel novero degli sponsor.

L'ex numero uno del comitato olimpico nipponico sarebbe stato interrogato sul percorso che ha portato Takahashi, ex numero uno del gigante della pubblicità Dentsu, a diventare uno dei dirigenti più alti del comitato organizzatore.

Il comitato organizzatore è stato lanciato nel 2014 con Takeda come vicepresidente e l'ex primo ministro Yoshiro Mori come presidente. Takahashi fu inserito nel comitato a giugno 2014 come ultimo dei 35 direttori.

Secondo la Kyodo, Takeda e Takahashi sono da tempo legati, entrambi laureati nell'Università di Keio ed entrambi coinvolti nelle operazioni di lobby per ottenere i Giochi estivi.

Anche l'ex premier Mori, che dové dimettersi nel 2020 in seguito a dichiarazioni sessiste, è stato interrogato dai procuratori.