Scandalo procuratori, l'Assoagenti: 'Pronti a denunciare alle autorità'

·1 minuto per la lettura

L'Assoagenti scende in campo nella guerra tra procuratori che ha investito il calcio italiano negli ultimi giorni. Al centro del caos tre giocatori: Dejan Kulusevski e Gianluca Scamacca, passati alla World Soccer Agency (scuderia di Alessandro Lucci), e Gaetano Castrovilli. Le prime reazioni sono già arrivate come vi abbiamo raccontato, così come le accuse. La principale riguarda le modalità con cui i giocatori sono passati con Lucci: si ipotizza che i tre calciatori avrebbero subito delle pressioni da alcuni loro compagni di squadra per cambiare procura; e c'è addirittura chi sostiene che siano coinvolti anche personaggi del calcio legati ad ambienti istituzionali.

COMUNICATO - L'AIACS (Associazione Italiana Agenti Calciatori e Società) è intervenuta e con un comunicato ha annunciato che le segnalazioni sono ora al vaglio degli organi associativi e qualora le accuse fossero fondate, sarebbe tutto trasmesso alle autorità competenti. La nota: "L'AIACS - Assoagenti, facendo seguito alle recenti notizie su presunti comportamenti assunti da tesserati FIGC ed agenti nell'acquisizione di procure e mandati di rappresentanza, dichiara di aver già ricevuto varie segnalazioni sul tema che sono al vaglio degli organi associativi e, qualora confermati, saranno presentati, con i rituali mezzi alle autorità competenti.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli