Scanzano Jonico, Pepe: fatto grave, difendere la Basilicata

Red/Nav

Roma, 22 dic. (askanews) - "Sono vicino alla Comunità di Scanzano Jonico ed a chi, nella legalità, l'ha rappresentata finora, e parto da un assunto irrinunciabile: la gente perbene, che è la stragrande maggioranza, non va confusa con i delinquenti, ma va rispettata e tutelata. La decisione assunta ieri sera dal Consiglio dei Ministri di sciogliere il Consiglio comunale dell'Ente deve farci riflettere e tenere alta la guardia". Così afferma in una nota il senatore Pasquale Pepe della Lega, che è vicepresidente Commissione parlamentare antimafia.

"Bisogna difendere con tutti i mezzi e a tutti i costi la Basilicata - continua il parlamentare - regione cerniera, dall'aggressione delle organizzazioni criminali e, in primo luogo, occorre sostenere i Sindaci, che sono il primo presidio delle Istituzioni sul territorio. In qualità di Vicepresidente della Commissione antimafia, già da lunedì, lavorerò sul dossier e farò in modo che la stessa Commissione metta in campo ogni attenzione sul caso".

Pepe poi spiega: "Chiederò che si parli con il Commissario, che si incontrino il Prefetto, il Questore e le Forze dell'ordine; chiederò, altresì, di analizzare con la Procura distrettuale antimafia le cause giudiziarie (se ve ne sono) dello scioglimento; e anticipo, già da ora, che solleciterò di effettuare il controllo sulle liste per le elezioni amministrative, quando si terranno".

"Dopodiché, si dovrà passare alla 'fase due': ragionare con gli ordini professionali, con il territorio e con la società civile, per costituire gli anticorpi alle infiltrazioni e segnalare all'Anac, se del caso, i punti di vulnerabilità nella gestione amministrativa comunale. Non sarà, dunque, una visita formale, ma un'attività concreta nell'interesse degli Scanzanesi e dei Lucani onesti. Un ringraziamento senza fine alle nostre donne e ai nostri uomini in divisa!".