Scaparro canta l'amore e la sua Roma in 'Non so'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Dopo due anni di silenzio il cantautore romano Scaparro torna con un nuovo singolo dal titolo 'Non so', pubblicato da The Bluestone Records, etichetta indipendente fondata a Roma, che punta al lancio di artisti e cantautori della Capitale. 'Non so' è il titolo della sua rinascita, un nuovo inizio dopo una fase della sua vita che lo ha portato a fermarsi per un periodo e a riflettere sulle cose importanti e sull'amore, come canta nel suo nuovo singolo. ‘Non so', spiega Scaparro, è "un brano incentrato sull’amore e le sue mille sfaccettature. Una storia d’amore importante e allo stesso tempo complicata, destinata a finire. La pandemia ha portato i due ragazzi a separarsi, a capire che non c’era futuro. La storia trova il suo finale come in una canzone che non si interrompe ma scema piano piano abbassandosi di volume fino a scomparire".

"Io sono Gianmarco Scaparro in arte Scaparro figlio di piazza Trilussa, chitarra in mano e 's'abbracciamo' come si dice a Roma. Le mie serate si sono svolte quasi sempre nella più totale casualità nei vicoli di Trastevere con amici a seguito e tanta bella musica. Ho smesso di suonare e scrivere per due anni: silenzio, dubbi, domande…ma la passione e l’amore per la musica hanno preso il sopravvento. Nei miei testi parlo d’amore, il motore pulsante che ci spinge a fare sempre meglio, a non mollare", dice l'artista.

''Ci sono dei momenti in cui la creatività e la voglia vengono meno - dice Scaparro - Bisogna rispettarli. Poi la fiamma si riaccende, torna l'ispirazione e si scrive, si lavora. Ed è proprio allora che dai il meglio di te e trovi le cose migliori. Adesso Scaparro - sottolinea parlando di sé - è il frutto delle sue esperienze di vita. Ha voglia di raccontarsi, di parlare e scrivere di questo cercando di fare vivere agli altri esperienze ed emozioni che, attraverso la scrittura e la musica, possono mandare messaggi positivi così come far riflettere sulle cose che non ci stanno bene, possono farci riprendere in mano quello che abbiamo lasciato da parte, ovvero noi. La musica è riuscita a tirar fuori di me quel lato romantico e sentimentale ma è riuscita anche a tirarmi fuori da situazioni difficili e momenti di fragilità. Nelle mie composizioni racconto anche l'amore per la mia città, Roma. Un giorno mi piacerebbe suonare davanti a tanta gente e amici al seguito, sulle scale di piazza Trilussa, uno dei posti che preferisco".