Scatta il divieto maschere a Hong Kong, una notte di scontri

Roma, 5 ott. (askanews) - L'intera rete delle metropolitane di Hong Kong è bloccata sabato 5 ottobre, dopo una notte di scontri tra manifestanti pro-democrazia e polizia in seguito al divieto delle autorità di indossare maschere nelle manifestazioni. Una decisione dell'amministrazione del territorio semi-autonomo cinese che ha applicato norme d'urgenza che datano 1922 e a cui non si era fatto ricorso per 52 anni.

Dopo mesi di manifestazioni, la tensione per le strade dell'ex colonia britannica non sembra scemare. Venerdì c'è stato anche il ferimento di un ragazzo di 14 anni da parte di un poliziotto che ha sparato pallottole vere.

Nella notte, dopo importanti manifestazioni, la polizia ha fatto ricorso ai lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Ci sono stati anche atti di vandalismo contro le stazioni metro e i centri commerciali, oltre che l'uso di bottiglie molotov da parte dei manifestanti.