Scelte di Salute: Biosimilare, un’opportunità per ampliare l’accesso alle cure

·1 minuto per la lettura

Illustri sconosciuti per l’88% degli Italiani, i farmaci biosimilari sono una risorsa per la cura di patologie croniche e per la sostenibilità del Sistema sanitario ma, grazie a costi più contenuti, potrebbero anche allargare l’accesso alle cure per pazienti attualmente non trattati. Sono i principali temi emersi dal recente sondaggio “I farmaci biologici e biosimilari” di Emg Different, realizzato per Sandoz.

I biosimilari, farmaci simili, ma non uguali, a uno biologico, già approvato, di cui è scaduto il brevetto, sono destinati a pazienti che hanno patologie croniche autoimmuni: malattie reumatiche, diabete, psoriasi o patologie infiammatorie dell’intestino.

I temi poco noti, ma importanti per la salute di molti pazienti, come emerge anche dal recente sondaggio, sono al centro del webinar a cui partecipano:

Ferdinando D’Amico, Gastroenterologo, Centro per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, IBD Unit;

Antonella Celano, Presidente APMARR, Associazione delle persone con malattie reumatiche e rare

Claudio Jommi, Professor of Practice di Health Policy presso la SDA Bocconi

Paolo Fedeli, Country Medical Director Sandoz.

L’evento è trasmesso in diretta streaming lunedì 29 novembre sui canali web di AdnKronos: Adnkronos.com e nella pagina del profilo Facebook di AdnKronos.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli