Scenari del turismo, Yescapa: voglia di viaggi slow e di natura

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 apr. (askanews) - Come tornare a viaggiare? Per provare a dare una risposta a questa domanda dopo molti mesi di parziali lockdown, Yescapa, azienda che opera nel settore del camper sharing, ha lanciato un'indagine online per capire quali saranno le tendenze e gli interessi per la prossima stagione turistica.

Da una prima analisi, emergono diverse conferme: anche nel 2021 il viaggio in camper torna a essere una soluzione capace di coniugare libertà e sicurezza. Una scelta sempre più ricercata dai 30-40enni per viaggi più frequenti e di breve durata. Tra le esperienze più desiderate: paesaggi naturali e genuinità delle piccole realtà locali, lontane dal turismo di massa.

Il 67% degli utenti ha confermato che l'idea di noleggiare un camper era già nata all'inizio del 2020 e tra questi, il 32% ha scelto la modalità di viaggio on the road anche spinto dal contesto di forte incertezza. Una volta che la decisione è presa, il 34% sceglie la sosta en plein air, il 26% le aree di sosta gratuite e solo il 19% i camping. Lo sharing proposto da Yescapa rimane dunque il modo migliore per approfittare di ponti, festività e brevi fughe nel fine settimana (55%) ma anche per trascorrere le vacanze estive in viaggio (30%) oppure per approfittare dei prezzi e del minor affollamento della bassa stagione (15%).

La rivoluzione delle abitudini di viaggio sta obbligando chi desidera partire a ridefinire le proprie necessità. Se un 30% non cambierà abitudini, alla domanda: quale sarà il futuro del turismo? solo il 5% si proietta ancora su atolli tropicali, mentre il 60% immagina un turismo più slow, all'insegna della natura, delle realtà locali (35%) e anche della famiglia (22%). Che sia mare (30%), strade da percorrere senza meta (26%), borghi rurali (25%) o montagna (20%), il desiderio del 2021 è di guidare tra le regioni italiane alla scoperta di Toscana, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna (54%) oppure di spingersi oltre i confini nazionali verso la Francia, il Portogallo e la Spagna (49%). Per quanto riguarda quest'ultima, le prenotazioni dall'Italia per le Isole Canarie (Fuerteventura, Tenerife e Lanzarote) hanno già segnato un +31% tra marzo e aprile 2021, anche a causa della zona rossa nel nostro Paese.