'Scent of a Woman' in tv: quanti giorni sono serviti per la scena di tango

·1 minuto per la lettura

Nel 1992 arriva al cinema ‘Scent of a woman - Profumo di donna’ film che vede protagonista uno straordinario Al Pacino. Per questa interpretazione, l’attore di Scarface vince l’Oscar come Miglior Attore Protagonista. La pellicola, remake Remake dell’omonimo film diretto da Dino Risi nel 1974 con Vittorio Gassman, racconta la storia di un giovane che si trova a dover occuparsi di un ex militare non vedente incattivito con il mondo e con il desiderio di morire. 

Leggi anche:-- Scent of a Woman su La7: ecco come Al Pacino è riuscito a imitare la cecità

Tra le scene memorabili del film, c’è quella che vede Al Pacino e Gabrielle Anwar ballare un tango mozzafiato. Scena che ha richiesto due settimane di intense prove e tre giorni di riprese. Inoltre per calarsi al meglio nel personaggio non solo Pacino parlò con Gassman (che aveva interpretato quel ruolo nell’adattamento di Risi) ma frequento due importanti associazioni di New York per persone non vedenti. 

Un lavoro bene fatto quello dell’attore tanto da valergli l’unico Oscar della sua carriera a fronte di nove nomination.

Scent of a Woman - Trama

Charlie Simms, di modesta estrazione sociale, frequenta un collegio esclusivo. Rischia però di non ottenere la borsa di studio per Harward. L'amico non corre invece rischi: suo padre è uno dei finanziatori del collegio. Charlie, intanto, accetta di fare da accompagnatore per il fine settimana a Frank Slade, un colonnello cieco, beone e scorbutico; questi si porta il ragazzo a New York e con il suo aiuto decide di divertirsi. Remake del film di Dino Risi, tratto dalla novella di Giovanni Arpino "Il buio e il miele". La sceneggiatura di Bo Goldman non è straordinaria. Pacino però ce l'ha messa tutta, guadagnandosi pure un Oscar.

@kikapress

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli