SCHEDA - Scienziati indagano su epidemia epatite nei bambini in Europa e in Usa

·4 minuto per la lettura
Tre persone entrano nell'ospedale pediatrico di Georgia ad Augusta, negli Stati Uniti

MILANO (Reuters) - Le autorità sanitarie di tutto il mondo stanno indagando su un misterioso aumento di casi gravi di epatite - infiammazione del fegato - nei bambini piccoli.

Di seguito un riassunto di ciò che si sa dell'epidemia.

COSA È SUCCESSO?

Sono stati identificati più di 130 casi, la maggior parte dei quali in Gran Bretagna, che ha riportato 108 casi da gennaio.

Altri paesi, tra cui Stati Uniti, Israele, Danimarca, Irlanda, Paesi Bassi e Spagna, hanno anche riportato un numero minore di casi.

SITUAZIONE IN ITALIA

In Italia a oggi i casi confermati con diagnosi di epatite pediatrica acuta di natura da definire sono quattro, che salgono a sette contando i casi sospetti, secondo fonti dell'Istituto Superiore di Sanità.

La situazione viene definita in divenire. Sono stati allertati tutti i gruppi di controllo, dal registro delle epatiti agli epidemiologi, per il monitoraggio.

Il ministero della Salute ha inviato alle Regioni una circolare il 15 aprile scorso, disponendo l'allerta.

Il caso più serio è quello di un bambino di tre anni di Prato ricoverato in rianimazione all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma con una sofferenza epatica grave.

PERCHÉ DESTA PREOCCUPAZIONE?

L'epatite pediatrica lieve non è sconosciuta, ma i casi hanno fatto scattare l'allarme in Scozia, il 6 aprile, perché i bambini erano molto malati. Diversi hanno persino avuto bisogno di trapianti di fegato.

L'altra preoccupazione è che i casi non erano legati ai tipici virus solitamente connessi alla malattia - epatite A, B, C, D ed E.

"Questo è ancora un numero molto basso di casi, ma sono bambini, questa è la preoccupazione principale, e l'altra cosa è la gravità", ha detto Maria Buti, professore di epatologia di Barcellona e presidente dell'associazione europea per lo studio del fegato, che ha seguito l'epidemia da vicino con il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc).

QUAL È LA CAUSA?

La teoria principale è l'infezione virale, probabilmente con un adenovirus, una comune famiglia di virus che può causare il comune raffreddore, tra le altre malattie.

Un tipo di adenovirus causa comunemente una gastroenterite acuta e ci sono stati report secondo i quali può causare epatite in bambini immunocompromessi, ma mai prima in bambini sani.

Il direttore della salute pubblica scozzese, Jim McMenamin, ha detto che si sta lavorando per stabilire se l'adenovirus coinvolto sia mutato provocando malattie più gravi, o se invece possa causare questi problemi "in tandem" con un altro virus, tra cui forse il Sars-CoV-2, il virus che causa il Covid-19.

McMenamin ha aggiunto che il 77% dei bambini in Gran Bretagna è risultato positivo all'adenovirus.

È anche possibile che sia coinvolto un nuovo patogeno, o l'esposizione a una tossina, ma la diffusione geografica dei casi fa pensare che l'infezione sia la spiegazione più probabile, dicono gli scienziati.

Qualsiasi collegamento ai vaccini Covid-19 è stato escluso, visto che i bambini in Gran Bretagna, dove è stata trovata la maggior parte dei casi, non sono stati vaccinati.

Altri scienziati hanno detto che potrebbe essere una spiegazione anche l'indebolimento del sistema immunitario come risultato di minori contatti sociali per effetto dei lockdown durante la pandemia.

"Potrebbe essere una risposta eccessiva alla stimolazione del sistema immunitario non più abituato a questi contatti... questa è una buona teoria," ha detto Simon Taylor-Robinson, un consulente epatologo e professore di medicina traslazionale all'Imperial College di Londra.

Altri mettono in guardia che queste infezioni da adenovirus potrebbero essere una coincidenza, perché questo tipo di infezioni sono ampiamente in circolazione in questo periodo dell'anno. Le indagini sono in corso.

COSA CONSIGLIANO LE AUTORITÀ SANITARIE PUBBLICHE?

Le allerte di salute pubblica negli Stati Uniti e in Europa hanno chiesto ai medici di stare in guardia e monitorare la situazione, e di testare i bambini per l'adenovirus se sospettano un'epatite.

I sintomi includono urina scura, ingiallimento degli occhi e della pelle (ittero), malessere, affaticamento, febbre, perdita di appetito, nausea, vomito, dolore addominale, feci chiare, dolore alle articolazioni.

Non esiste un trattamento specifico per l'epatite, ma farmaci come gli steroidi possono aiutare, così come medicinali per trattare i sintomi.

Ai genitori viene detto di stare attenti ai sintomi e di contattare un operatore sanitario se sono preoccupati.

Per prevenire un'ulteriore diffusione, la British Health Security Agency ha esortato a lavarsi le mani e "una buona igiene respiratoria completa", come tossire e starnutire in un fazzoletto.

Gli esperti hanno detto che l'aumento del numero di casi è stato relativamente lento, ma hanno messo in guardia che ci potrebbero essere più casi.

(Versione italiana Emilio Parodi, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli