Scherzetto! Ecco l’Halloween dei ‘giganti’

Giganti e carnivori alle prese con zucche vuote. Al parco Natura Viva i draghi di Komodo, Padar e Indah, due lucertoloni da 70 chili ciascuno, e le lontre brasiliane Felipe e Apalai, 60 chili in due (più del doppio dei ‘cugini’ europei), hanno trovato uno ‘scherzetto’ di Halloween: le tradizionali zucche intagliate a scrutarli nella loro nuova Casa dei Giganti. Obiettivo degli etologi: conoscerne meglio le loro reazioni e interazioni. Due atteggiamenti molto diversi per due specie che in natura vivono agli antipodi del globo, in Sudamerica e nell’arcipelago indonesiano: la lingua biforcuta di Padar e Indah è servita per esercitare l’olfatto da rettile e ispezionare le zucche dentro, fuori e attraverso gli intagli, durante l’accurato controllo mattutino del proprio territorio; il muso e le zampe di due mammiferi nuotatori Felipe e Apalai invece, sono stati molto utili per trasformare la zucca in una palla e spingerla dentro l’acqua, rovesciarla con un tuffo o spezzarla per infilarci dentro la testa. Instancabili le acrobazie subacquee di questi due fratelli affettuosi, che vengono interrotte solo per tornare a terra, “impanarsi” con la sabbia e tornare nuovamente a mollo. Anche le dragonesse si immergono e dimostrano un’agilità unica, anche se un fatto è certo: nessuna effusione per loro, ma la vita solitaria del rettile in due reparti separati e uno sguardo severo che non ha bisogno di aggiungere altro.