Schiuse 77 uova tartarughe charapa in parco amazzonico in Ecuador

·2 minuto per la lettura

AGI - Ben 77 tartarughe charapa sono nate nella principale area protetta dell'Amazzonia ecuadoriana, il Parco Nazionale Yasuní.

Lo ha riferito il ministero dell'Ambiente dell'Ecuador. I charapa abitano i fiumi dell'Amazzonia nelle province di Sucumbíos, Orellana, Napo, Pastaza e Morona Santiago e la loro specie è classificata come Vulnerabile (VU) nella Lista Rossa dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura IUCN.

Sono tartarughe d'acqua dolce che vengono anche chiamate "tartarughe dal collo laterale" perché non riescono a mettere completamente la testa all'interno del guscio.

Per fare ciò, devono piegare il collo ai lati, esponendone una parte. A causa della loro condizione di vulnerabilità, il Ministero dell'Ambiente ecuadoriano si dedica alla loro vigilanza e protezione nell'ambito del progetto "Gestione comunitaria delle tartarughe charapas".

Nel parco è stata trovata la schiusa di 77 uova della specie Podocnemis unifilis al checkpoint di Tiputini.

Il 10 settembre, le guardie del parco del Ministero avevano "raccolto e seminato le uova nella sabbia artificiale di Tiputini e sono state monitorate durante la fase di incubazione".

Ora gli esemplari rimarranno per venti giorni in piccole vasche allestite per loro fino a quando il cordone ombelicale non guarirà e otterranno il peso e la misura adeguati per il loro rilascio.

"Siamo lieti di vedere i risultati, lavoriamo per collegare le comunità attraverso seminari sulla buona gestione della fauna selvatica, la conservazione dei fiumi e il loro ecosistema", ha detto Tania Villalba, un tecnico di zona.

Abbondanti nel bacino dell'Amazzonia e dell'Orinoco, le femmine adulte di questa specie possono pesare più di 90 chili e misurare fino a un metro, quasi il doppio di quello dei maschi.

Nell'ambito del progetto di conservazione ecuadoriano, che ha il sostegno della Wildlife Conservation Society (WCS) Ecuador, 752 individui sono stati rilasciati dal 2019 e ci sono 3 punti di controllo nei settori Shiripuno, Añangu e Tiputini.