Schroeder: "Putin interessato a porre fine a guerra, ma non è facile"

·3 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "Penso che questa guerra sia stata un errore, e l'ho sempre detto. Quello che dobbiamo fare ora è creare la pace il più rapidamente possibile. Ho sempre servito gli interessi tedeschi. Faccio quello che posso. Almeno una parte si fida di me". Lo ha detto al New York Times, ripreso dalla Stampa, Gerhard Schroeder, da sempre amico del presidente russo Putin, amicizia che l’ex cancelliere tedesco, e attuale capo del board di Nord Stream e capo del consiglio di sorveglianza di Nord Stream 2, non ha rinnegato neanche ora, nel corso di due mesi di guerra, consapevole del fatto che il gas russo abbia contribuito non solo ad aumentare la ricchezza di Putin, ma anche quella dell’industria tedesca. “Quello che posso dirvi - ha aggiunto, che il 9 marzo ha incontrato il presidente russo - è che Putin è interessato a porre fine alla guerra. Ma non è così facile. Ci sono alcuni punti che devono essere chiariti. Il mio consiglio è di pensare a ciò che un'economia che dipende dalle esportazioni può ancora sostenere e ciò che non può più sostenere”.

Nonostante abbia dichiarato che “sulle atrocità di Bucha occorra indagare, anche se il mandante non può essere Putin ma qualche suo sottoposto”, Schroeder, rivela il quotidiano statunitense, ha rapporti estremamente radicati con la Russia, fin da quando il padre morì fra le fila dei nazisti sul fronte orientale, quando il futuro cancelliere aveva soltanto sei mesi. “Gli orrori che i nazisti inflissero all'Unione Sovietica – scrive il NYT - dove morirono 27 milioni di persone, pesarono molto sulla sua gioventù, ha detto l'ex cancelliere. Schroeder si è unito ai socialdemocratici quando aveva 19 anni. Quando Schroeder aveva 25 anni, Willy Brandt divenne il primo cancelliere socialdemocratico tedesco del dopoguerra, inaugurando una nuova politica di impegno con l'Urss, nota come Ostpolitik. La logica della Ostpolitik era ‘Wandel durch Handel’, o ‘cambiamento attraverso la negoziazione’, e sarebbe diventato un pilastro fondamentale delle successive amministrazioni a guida Spd. Ancora oggi, una statua di Brandt è ben visibile in un angolo dell'ufficio di Schroeder. I due figli di Schroeder sono stati entrambi adottati in Russia. “Tutte queste cose hanno influenzato il mio rapporto con la Russia molto presto, e come cancelliere, ho cercato di continuare così”, ha affermato l’ex cancelliere.

“Dagli Anni 60, la cooperazione con l'Urss e poi con la Russia è stata una costante”, ha detto Schroeder. “Hanno avuto i soldi e hanno consegnato il gas”, ha spiegato dei russi. “Anche nei tempi più duri della Guerra Fredda, non ci sono mai stati problemi”. Durante il suo mandato, Schroeder ha portato avanti il progetto successivo di gasdotto, il Nord Stream 1. Che differiva da quelli dei suoi predecessori. Bypassava l'Ucraina e la Polonia, collegando per la prima volta la Russia e la Germania direttamente sotto il Mar Baltico. Il presidente russo con cui stava trattando era Putin. I due leader sono andati d'accordo, e non solo per la loro leggendaria spavalderia da macho. Putin, ex agente del Kgb che era stato di base a Dresda, parlava correntemente il tedesco ed era cresciuto povero, come Schroeder, la cui madre era una donna delle pulizie che ha cresciuto cinque figli da sola. “Questo ha creato una certa vicinanza - ha detto - C'era la sensazione di poter contare l'uno sull'altro. L'immagine che la gente ha di Putin è solo una mezza verità”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli