Sci, c'è chi apre piste: niente stop a Piana Vigezzo

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Lo stop del governo alla riapertura delle piste da sci non blocca la stazione di Piana di Vigezzo, 1.720 metri nel Comune di Craveggia (Vco), in alta Ossola. "Le leggi non si fanno con i comunicati stampa. Venerdì ho ricevuto una comunicazione dalla Regione Piemonte che il 15 febbraio si poteva aprire e quindi mi sono attrezzato per farlo. Poi ieri sera c'è stato un comunicato stampa che non mi pare abbia validità di legge che diceva che gli impianti devono restare chiusi e io tra la legge e il comunicato stampa ho scelto la legge", afferma Luca Mantovani, l'ad della società 'Vigezzo & Friends' che gestisce l'impianto di Piana di Vigezzo, spiegando all'Adnkronos perché oggi la struttura è operativa nonostante lo stop del ministro Speranza.

"Ufficialmente - aggiunge - nessuno ci ha detto che dovevamo stare chiusi, abbiamo avuto comunicazione attraverso i social che il ministro aveva fatto un comunicato stampa, peraltro poco fa ho ricevuto una chiamata dalla prefettura che mi ha confermato che l'ordinanza diversa dal comunicato stampa è uscita in questi minuti e che entrerà in vigore tra 24 ore come tutte le cose di urgenza per le leggi italiane e quindi da domani ci adegueremo all'ordinanza"', precisa l'ad di 'Vigezzo e Friends', che sulla possibilità di un eventuale multa per l'apertura osserva: "Ritengo di no, se me la faranno la impugnerò".

Quanto al merito del provvedimento, Mantovani aggiunge: ''Un Paese serio queste cose non le fa la domenica sera, non fa assumere le persone il sabato per dirgli il lunedì che non hanno più il lavoro. O per lo meno, se lo vuole fare perché ci sono motivi superiori che io non giudico, versano e poi dicono 'state sereni, state chiusi'. E invece io domani pago i contributi dei nostri dipendenti, gli stipendi li abbiamo pagati la settimana scorsa, ai ragazzi che ho assunto sabato per venire a lavorare oggi dico di stare a casa''.

''Al momento alla 'Vigezzo & Friends' sono al lavoro 18 persone, a pieno regime sarebbero 26 a cui vanno aggiunti una quindicina di maestri di sci che sono fermi e l'indotto e noi siamo un microbo rispetto alle grandi stazioni, come per esempio la Via Lattea o SuperSki Dolomiti'', osserva ancora Mantovani confermando che al momento sono circa 200-250 le persone che si trovano oggi sugli impianti di Piana di Vigezzo.