Scienza, Mattarella: affrontare futuro senza paura ma con visione

Rea

Bergamo, 24 ott. (askanews) - La rivoluzione tecnologica ci ha regalato prodigiose conquiste in ogni campo di applicazione, traghettandoci in una nuova era, globale e connessa, che è ormai il vissuto delle giovani generazioni. Un domani che è già nelle loro mani e del quale non dobbiamo avere timore: anzi, va affrontato con slancio propositivo a condizione di avere una visione larga del nostro cammino". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, all'incontro con le associazioni "Molte fedi sotto lo stesso cielo" e "Bergamo Scienza".

"Le epoche si sono succedute, le civiltà sono state spesso definite per un metallo, per una tecnologia, quella del bronzo, quella del ferro... potremmo dire che oggi siamo al silicio. Sullo sfondo - ha esortato il Capo dello Stato - abbiamo il dovere di perseguire una età dell'oro che vorremmo contraddistinta dalla pace, dalla giustizia, dallo sviluppo, dal rispetto della dignità delle persone, di tutte le persone, e dei popoli, di tutti i popoli. Siamo una umanità che vive una continua transizione tra vecchio e nuovo, secondo il succedersi delle generazioni, a confronto con le prove della storia e non abbiamo, in partenza, oggi come in passato, certezza dell'approdo".