Scienza&Salute: Covid-19, la clinica e i percorsi di cura con l'immunologo Minelli

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

I sintomi d'esordio Sars-Cov-2, i farmaci più efficaci, la vaccinazione, gli anticorpi monoclonali. Sono alcuni dei focus al centro dell'ultima puntata di BIOmedical Report, l'approfondimento su Facebook curato dall'immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud della Fondazione italiana di Medicina personalizzata. A spiegare la clinica e i percorsi di cura per Sars-CoV-2, insieme a Minelli, anche Giovanni Gasbarrini, professore emerito di Medicina Interna dell'Università Cattolica di Roma e premio Berlino 2013 come miglior ricercatore europeo nei campi della Gastroenterologia ed Epatologia. I due specialisti rispondo anche sull'uso del cortisone, su quando è opportuno somministrare gli antibiotici e quando la terapia anticoagulante.

"Sono stati tre i farmaci che hanno rivoluzionato la vita degli esseri umani nel ventesimo secolo - ha dichiarato Gasbarrini - e mi riferisco agli antibiotici, al cortisone e all'insulina, tre 'cose' che ci ritroviamo in questa epidemia da nuovo coronavirus. I malati non si dovevano curare solo con la tachipirina, ha commentato l'illustre accademico, in questo abbiamo sbagliato...Adesso, dopo mesi in cui sono stati commessi anche degli errori, abbiamo fatto esperienza, magari ascoltando di più i medici di base che conoscono la storia personale dei diversi pazienti. Oggi è necessario prescrivere l'antibiotico al secondo giorno di febbre, non prima (ma non oltre) dei 38 gradi di temperatura corporea. È sbagliato considerare Covid-19 una malattia respiratoria - ha aggiunto Gasbarrini - essa è una malattia multiorgano, principalmente gastrointestinale, quindi assumere eubiotici può essere non solo utile ma addirittura strategico nel complesso dei danni che il virus è in grado di fare"