Scimmie contro il razzismo, polemiche sulla Lega di Serie A

Lme

Milano, 17 dic. (askanews) - Tre scimmie per simboleggiare la lotta al razzismo nel calcio italiano. Un'opera dell'artista Simone Fugazzotto commissionata dalla Lega Serie A per sottolineare una battaglia che il calcio italiano sta chiaramente perdendo, ma che, almeno a livello di intenti, si vuole provare a vincere. La scelta di Fugazzotto però ha subito scatenato ilarità e polemiche, proprio per aver deciso di utilizzare come immagine simbolo la scimmia.

"Dipingo solo scimmie, come metafore dell'essere umano - ha spiegato l'artista -. La teoria evolutiva dice questo. Da qui parte tutto. La scimmia come scintilla per insegnare a tutti che non c'è differenza. Perché non smettere di censurare la parola scimmia nel calcio, ma rigirare il concetto e affermare invece che alla fine siamo tutti scimmie?". Intento lodevole, ma forse l'esito non lo è allo stesso modo, se perfino la Cnn si è occupata della vicenda sottolineando commenti come quello dell'organizzazione anti discriminazione Fare, che ha scritto su Twitter che "queste creazioni sono un insulto, saranno contro producenti e aumenteranno la disumanizzazione delle persone di origine africana".

Dalle banane di Tavecchio agli ululati di ogni domenica, dalle battute dei giornali su Lukaku alla retorica politica, sembra proprio che il calcio italiano non riesca nemmeno a pensare un modo serio e profondo di affrontare il tema del razzismo.