Sciopero Cgil-Uil, Fiom: adesione metalmeccanici verso l’80%

·1 minuto per la lettura
featured 1552027
featured 1552027

Roma, 16 dic. (askanews) – “Fra i metalmeccanici secondo i primi numeri che ci stanno arrivando lo sciopero sta andando molto bene, noi sono due mesi che stiamo facendo assemblee in tuti i luoghi di lavoro e i lavoratori e le lavoratrici sono molto convinti delle ragioni dello sciopero”. A dirlo è la segretaria generale della Fiom-Cgil, Francesca Re David, da Piazza del Popolo a Roma, dove si tiene la manifestazione di Cgil e Uil per lo sciopero generale indetto oggi dalle due sigle sindacali (assente invece la Cisl). Secondo Re David quello dell’alta adesione allo sciopero è “un dato molto significativo che dice molto del malessere dei lavoratori, che non si sentono rappresentati in questo paese”.

Secondo i primi dati diffusi dalla Fiom sullo sciopero tra i metalmeccanici di Cgil e Uil sfiora un’adesione dell’80%. In Acciaierie Italia 70%, Lamborghini 90% (operai e 60% impiegati), Berretta Brescia operai 95% e impiegati 80%, Ast Terni 90% e 80% indotto, Nuovo Pignone Firenze 85%, Almaviva Roma 90%, Magneti Marelli di Napoli adesione al 95%, Dana Graziano di Torino 85%, Electrolux di Porcia adesione al 70%, alla Vitesco Tecnologies di Pisa operai 100% e impiegati al 60%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli