Sciopero globale per il clima

webinfo@adnkronos.com

La lotta per la giustizia climatica non si ferma, anche perché il tempo stringe: restano solo 11 anni per costruire una società sostenibile e a 0 emissioni. Per questo gli attivisti del Friday for Future sono di nuovo in piazza per lo 'Sciopero Globale per il Clima' che coinvolge 130 Paesi in tutto il mondo e oltre 100 città italiane (FOTO). La data del 29 novembre è stata scelta perché cade esattamente ad una settimana dalla Cop25 (United Nations Climate Change Conference), la conferenza Onu sui cambiamenti climatici che si terrà dal 2 al 13 dicembre a Madrid, in Spagna.  

L'intento a livello globale è far sì che i leader politici prendano misure immediate ed efficaci per contrastare la crisi climatica, dopo il sostanziale fallimento degli accordi di Kyoto e di Parigi. Tre le richieste per il FU.TU.RO dei ragazzi e le ragazze di #FridaysForFuture:1. FUori dal Fossile: - Raggiungimento dello 0 netto di emissioni a livello globale nel 2050 e in Italia nel 2030, per restare entro +1.5 gradi di aumento medio globale della temperatura.  

2. TUtti uniti nessuno escluso - La transizione energetica deve essere attuata su scala mondiale, utilizzando come faro il principio della giustizia climatica. 3. ROmpiamo il silenzio, diamo voce alla scienza - Questa riduzione delle emissioni è geofisicamente possibile. La scienza e la tecnologia per questa transizione ci sono. Sappiamo come fare, manca la volontà politica ed economica per farlo.