Sciopero nazionale 22 giugno 2012: fermi treni, mezzi pubblici, aerei, traghetti

La mobilitazione rischia di mettere in ginocchio in particolare Milano, Roma, Firenze, Napoli, Torino e Genova

Sarà un 22 giugno difficile quello degli italiani che vorranno utilizzare i trasporti pubblici a causa dello sciopero generale che colpirà il settore e che rischia di mettere in ginocchio in particolare Milano, Roma, Firenze, Napoli, Torino e Genova, i grandi capoluoghi nazionali.

Ventiquattro ore di sofferenza per uno sciopero indetto dalle sigle di settore: Usb, Or.S.A. CUB, Cib-Unicobas, Snater, USI e SI-Coba e a cui aderisce anche il personale Trenitalia che si fermerà dalle ore 21 del giovedì 21 giugno, per le canoniche 24 ore. Tuttavia, i trasporti garantiti nelle sole fasce orarie protette: nel caso delle ferrovie i treni viaggeranno dalle 6 alle 9 del mattino, e dalle 17 alle 20.Più diversificato il panorama della stasi di metro, bus e tram, con annesse variazioni locali. Nella Capitale, come comunicato dall’Agenzia per la mobilità, saranno rispettate le fasce orarie da inizio servizio e sino alle 8,30 e tra le 17 e le 20. Lo stop alla circolazione dei mezzi pubblici potrà scattare dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Per il servizio gestito da Atac (bus, tram, metrò e ferrovie regionali), la protesta prende il via alle 9 e non alle 8,30. Le linee di bus gestite da Roma Tpl potranno fermarsi a partire dalle 8,30. A Milano, dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio si ferma il personale di ATM. Sul versante Trenord, sono garantiti i treni dalle 6 alle 9, e dalle 18 alle 21, e i convogli la cui partenza sia fissata per un'ora antecedente l'inizio dello sciopero o il cui arrivo a destinazione sia previsto entro un'ora dall'inizio dell'astensione dal lavoro.

Anche gli aerei e il trasporto marittimo aderiranno al blocco: nel caso dei primi, l’agitazione inizierà alle 23.59 di giovedì 21 e terminerà alla mezzanotte di venerdì 22. Molto toccato, per l'agitazione degli assistenti di volo e dei piloti, il gruppo Meridiana Fly. Negli aeroporti di Milano, i dipendenti Sea di Linate e Malpensa sciopereranno per tutta la giornata. Per le navi, lo sciopero per le isole maggiori parte un’ora prima delle partenze di giornata. Per le isole minori, in maniera indistinta, si comincia alla mezzanotte del 22 giugno, per proseguire fino alle 24 ore successive. Resta fuori, a buon ragione, dal disagio l’Emilia Romagna non toccata, dopo il dramma del sisma, anche dallo stato di disagio.

Ricerca

Le notizie del giorno