Scissione Pd, Bellanova a Zingaretti: “Non ti ho avvisato? Polemicuccia”

Bellanova Zingaretti

In un’intervista al quotidiano La Repubblica, Teresa Bellanova torna a parlare della sua scissione dal Partito Democratico. Definisce poi “una polemicuccia” l’accusa di Zingaretti di aver lasciato il partito senza avvisare.

Bellanova contro Zingaretti

Un atto dovuto, dice il ministro dell’Agricoltura, quello di seguire Matteo Renzi. Una scissione verificatasi in un periodo in cui “si volevano derenzizzare i gruppi parlamentari, andando al voto pur rischiando di far ascendere Salvini solo per rendere i gruppi omogenei alla maggioranza del Pd“. Per la Bellanova invece il dialogo tra posizioni differenti va valorizzato. Motivo per cui ha considerato giusto legittimare un’area politica che fa capo all’ex premier.

Quanto a Zingaretti, che aveva accusato lei e la Bonetti di aver lasciato il Pd senza nemmeno un messaggio, la Bellanova sostiene che abbia fatto una “polemicuccia“. E non perde occasione di rivolgere un attacco all’ex partito in generale, che secondo lei valorizzerebbe “persone che nel Parlamento e nel Paese hanno contestato la riforma del mercato del lavoro, dove ci sono la lotta alle dimissioni in bianco, i congedi parentali, la cancellazione delle collaborazioni e i contratti a tempo indeterminato“.

Quanto a chi insinua che Italia Viva possa prima o poi far saltare il governo giallorosso, assicura che ciò non avverrà. Sottolinea infatti come i renziani siano persone serie e che, una volta preso l’impegno di sostenere la maggioranza, lo mantengono. Ricorda che il governo è nato con l’obiettivo di impedire l’aumento dell’Iva: se così sarà, come è certa, “sarà una vittoria di tutti, anche nostra“.