Scommesse su partite Lega Pro, arresti e perquisizioni

webinfo@adnkronos.com

La polizia ha eseguito un'operazione di polizia giudiziaria, coordinata dalla Procura Distrettuale di Catania e denominata 'Corner Bet', che ha portato all’arresto di tre persone responsabili di frode in competizioni sportive. Sono in corso perquisizioni e sequestri. Le indagini condotte dalla polizia postale hanno consentito di mettere in luce un sodalizio criminoso dedito alla realizzazione di frodi in alcune competizioni calcistiche di Lega Pro. Tra le tre persone poste agli arresti domiciliari c'è un ex calciatore del Bisceglie, attualmente al Foggia. 

Il reato contestato è concorso di frode in competizioni sportive. L’indagine trae origine dalla denuncia del titolare di un'agenzia di scommesse sita a Gravina di Catania che lamentava la sottrazione di migliaia di euro da alcuni suoi conti gioco online tramite accessi abusivi informatici da parte di ignoti. E' emerso che sono almeno tre gli incontri calcistici dello scorso campionato in cui è stato accertato l’interesse degli arrestati, ovvero, Trapani-Bisceglie, Rende-Bisceglie e Bisceglie-Leonzio. 

In particolare due degli arrestati, per ottenere un profitto dalle vincite di scommesse sportive, avvalendosi della collaborazione del calciatore, si adoperavano per alterare talvolta l’esito delle partite, talvolta il numero dei ‘corner’ e anche quello delle espulsioni dei giocatori. 

"Sto seguendo tutto con grande attenzione" ha detto il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ai cronisti a Firenze, a proposito della nuova inchiesta giudiziaria sul calcio scommesse. 

"Apprendiamo la notizia dell’indagine trattandola con la massima serietà" le parole del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli. "Abbiamo subito attivato le nostre procedure interne facendo gli accertamenti del caso con i nostri consulenti di Sportradar. Attendiamo con fiducia i risultati delle indagini da parte delle autorità competenti e siamo a totale disposizione delle stesse" ha aggiunto Ghirelli, che ha annunciato: "Ci costituiremo nel procedimento".