"Denise Pipitone si trova in Sud America, ecco la foto", svolta nel caso?

·1 minuto per la lettura
REUTERS/Pipitone family/Handout
REUTERS/Pipitone family/Handout

Un nuovo "avvistamento" riapre le speranze di aver ritrovato Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo, in Sicilia, il primo settembre del 2004. Questa volta a somigliarle è una ragazza dell'Ecaduor. A scovarla sono stati alcuni utenti dei social network Facebook e Tik Tok, che hanno subito inviato la foto della giovane a Piera Maggio, la mamma della piccola che oggi avrebbe 21 anni. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Denise Pipitone: il caso della bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004

LEGGI ANCHE: Denise Pipitone, l’ex di Jessica Pulizzi: “Ho capito che lei aveva commesso qualcosa di grave”

Purtroppo, non è la prima volta che si riaccendono le speranze. E non è detto che anche questa volta si tratti di un buco nell'acqua. Poche settimane fa una tv russa si era detta certa di aver individuato Denise in una ragazza che si era rivolta a un programma per trovare i suoi genitori. Anche in quel caso la somiglianza con Piera Maggio era tanta, ma i test del dna hanno smentito che si trattasse di Denise.

LEGGI ANCHE: Denise Pipitone, il legale Frazzitta commenta la presunta esistenza di due nuovi indagati

Da quel momento sul caso si sono riaccesi i riflettori, l'inchiesta è stata riaperta e nei giorni scorsi, secondo la trasmissione Quarto Grado, sarebbero stati iscritti sul registro degli indagati l'ex moglie del papà di Denise e un uomo del posto, Giuseppe Della Chiave. Piera Maggio adesso chiederà di fare il test del dna alla ragazza dell'Ecuador?

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Chi l'ha visto, la ricostruzione dettagliata del rapimento di Denise Pipitone: nuovi risvolti emersi

LEGGI ANCHE: Denise Pipitone, Piera Maggio: "Indagati? Saperlo da tv aberrante"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli