Scomparsi a Piacenza, si lavora senza sosta per ritrovarli

scomparsi piacenza

È giallo sulla scomparsa di Massimo Sebastiani ed Elisa Pomarelli, di cui non si hanno più notizie da più di 24 ore. I due sarebbero spariti nel nulla in provincia di Piacenza e carabinieri, vigili del fuoco, polizia locale e protezione civile hanno attivato le ricerche. Si tratta di un 47enne di Carpaneto e una 28enne di Borgotrebbia. I due casi, in un primo momento distinti, stanno iniziando a mostrare punti di contatto. Pare infatti che i due fossero amici, e le forze dell’ordine hanno ragione di pensare che i due casi di scomparsa possano essere collegati.

Scomparsi a Piacenza

Elisa Pomarelli sarebbe scomparsa nel primo pomeriggio di domenica 25 agosto. La giovane è uscita di casa avvertendo i genitori, ma non ha più fatto ritorno. I carabinieri hanno dunque attivato le indagini e hanno diffuso un appello descrivendo l’aspetto fisico e gli indumenti della 28enne. Al momento della scomparsa la giovane indossava infatti una maglietta nera con la scritta “Armani” e pantaloni beige. È alta circa 1,60. “Se qualcuno l’avesse vista è pregato di avvisare immediatamente il Comando provinciale Carabinieri di Piacenza o la Compagnia Carabinieri di Fiorenzuola D’Arda“. L’ultima volta che il suo cellulare ha mandato un segnale ha agganciato la cella di Cadeo. “Mia sorella non si sarebbe mai allontanata da casa propria volontariamente, sono quasi 24 ore che non si hanno notizie. Abbiamo già sporto denuncia ai Carabinieri, ogni indizio, notizia o avvistamento è importantissimo” ha scritto sui social la sorella di Elisa.

Avviate le indagini

A seguito della denuncia di scomparsa, le forze dell’ordine hanno avviate le indagini. Stando a quanto riferito da alcuni testimoni, i due sarebbero stati notati in un ristorante domenica a pranzo. Sebastiani è poi stato avvistato alle 16.30 nei pressi di Gropparello dove non è passato inosservato in quanto indossava “vestiti bagnati e sporchi, tant’è che qualcuno, per scherzare, gli avrebbe chiesto: “Hai fatto il bagno in piscina?” riferisce IlPiacenza. Più tardi l’uomo è stato poi incrociato a piedi, poi più nulla. Nella notte di lunedì una pattuglia si sarebbe recata nell’abitazione del 47enne per un controllo: nel cortile interno è stata trovata l’auto, mentre in casa è stato individuato il cellulare dell’uomo spento. La campagna circostante è stata battuta in lungo e in largo dai volontari della Protezione Civile anche con l’aiuto delle unità cinofile. Giunti da Milano anche i sommozzatori dei vigili del fuoco che si stanno occupando di scandagliare laghetti, fontanili e vasche per l’irrigazione.