Scomparsi, Pietro Orlandi conduce una serie sulle sparizioni misteriose

La scomparsa di Emanuela Orlandi, la cittadina vaticana sparita nel nulla all'età di 15 anni il 22 giugno del 1983, è uno di quei "cold case" che continua ad appassionare il pubblico anche dopo 35 anni: il fratello di Emanuela, Pietro, non si è mai arreso e negli anni ha continuato a chiedere verità e giustizia per sua sorella.

A cinquant’anni esatti dalla nascita di Emanuela, domenica 14 gennaio alle 21.00 Crime+Investigation (in esclusiva su Sky al canale 118) propone Scomparsi: Emanuela Orlandi: protagonista dello speciale è Pietro Orlandi che ricostruisce la scomparsa della sorella e le indagini che ne seguirono.

Pietro Orlandi è però la voce narrante anche delle puntate successive della serie 'Scomparsi', che vanno a ricostruire altri casi di clamorose sparizioni in giro per l'Italia: Orlandi incontrerà  i familiari e gli amici di persone che non hanno fatto più ritorno a casa, con l’attenzione di un investigatore ma anche la sensibilità di chi condivide lo stesso destino, le speranze e i rimpianti di coloro che, da anni, vivono come lui condannati alla pena di un’eterna attesa.

Durante la conferenza stampa di presentazione della serie 'Scomparsi', Orlandi ha rilasciato nuove e pesanti dichiarazioni sull'atteggiamento della Chiesa nei confronti della scomparsa di sua sorella Emanuela: "Vogliamo risposte sulla trattativa che c'è stata negli anni scorsi tra il magistrato Giancarlo Capaldo e il Vaticano a proposito della consegna di un fascicolo su mia sorella Emanuela Orlandi", ha dichiarato -come riporta l'agenzia ANSA- Orlandi, il quale ha anche sottolineato la totale chiusura del Vaticano e di Papa Francesco su questo argomento.

Nel corso della serie Scomparsi, che andrà in onda da martedì 23 gennaio alle 22 su Crime+Investigation, verranno affrontati i casi di Federica Farinella, trentenne scomparsa sotto gli occhi della famiglia nel 2001, di Emanuele Arcamone, che nel 2013 a 23 anni scomparve letteralmente dopo aver salutato la mamma di sfuggita, di Nicholas Ravaioli, che nel 2009 si allontana da casa non si sa se più o meno consapevolmente per non farvi più ritorno, e di Fabrizio Catalano, scomparso nel 2005, per il quale la famiglia teme il coinvolgimento in una sedicente setta religiosa.

 

 

 

 
Federica Sciarelli lascia Chi l'ha visto? Ecco cosa farà