Scontri a Bagdad, due manifestanti uccisi

webinfo@adnkronos.com

Almeno due manifestanti sono rimasti uccisi negli scontri con le forze di sicurezza scoppiati oggi nel centro di Bagdad. Lo affermano alcuni testimoni, riferendo anche che circa 15 manifestanti sono rimasti feriti. Un portavoce delle forze di sicurezza irachene, il colonnello Abdel Karim Khala, ha riferito che un gruppo di "vandali" ha attaccato le postazioni di controllo nella piazza Al-Sunk, nel centro della capitale.  

Le proteste in Iraq vanno avanti dall'inizio dello scorso ottobre. I manifestanti chiedono le dimissioni del governo e lo scioglimento del Parlamento, oltre ad una riforma generale del sistema politico del Paese, nato dopo l'invasione Usa del 2003.  

Le ripetute promesse di riforma avanzate dalla classe politica non sono finora riuscite a placare la rabbia dei manifestanti, le cui fila sono prevalentemente composte da giovani. Molti gruppi di attivisti per i diritti umani hanno denunciato le eccessive violenze da parte della polizia e delle forze si sicurezza.