Scontri in Cile, tre morti. Imposto coprifuoco a Santiago

webinfo@adnkronos.com

Un coprifuoco tra le 22 e le 7 verrà applicato a Santiago e nelle aree periferiche. E' quanto ha annunciato il generale Javier Iturriaga del Campo, responsabile della sicurezza a Santiago durante lo stato di emergenza dichiarato di conseguenza alle violenze dei giorni scorsi, in seguito all'aumento dei prezzi dei biglietti della rete dei trasporti.

LEGGI ANCHE: Dato alle fiamme il palazzo dell'Enel a Santiago del Cile

Secondo quanto riferisce la Bbc, l'esercito dovrebbe aiutare la polizia a pattugliare le strade durante lo stato di emergenza dichiarato per 15 giorni nei quali le autorità potranno limitare la libertà di movimento delle persone e il loro diritto di riunione.

Intanto almeno tre persone sono morte in un incendio scoppiato all'interno di un supermercato saccheggiato nel comune di San Bernardo. Lo ha confermato il sindaco dell'area metropolitana, Karla Rubilar, in una conversazione con Radio Bío Bío. I vigili del fuoco hanno trovato 2 corpi carbonizzati sul posto, mentre un terzo gravemente ferito è stato trasferito in ospedale, dove è deceduto poco dopo.

GUARDA ANCHE - Cile, stato d’emergenza a Santiago dopo scontri per caro trasporti