Scontri fra sostenitori e oppositori di Morales: 2 morti

webinfo@adnkronos.com

Sono due le persone che hanno perso la vita negli scontri tra sostenitori e oppositori del presidente Evo Morales, confermato alla guida della Bolivia nelle recente elezioni presidenziali. Lo ha annunciato il ministro della Difesa Javier Zabaleta, dicendo che ''la verità è che due vite umane sono andate perdute e questo è irreparabile''. Gli scontri si sono registrati nella città di Montero nel dipartimento di Santa Cruz nell'est della Bolivia. 

''La cosa peggiore di tutte è che se noi, come politici, non troviamo una soluzione, quello che è successo ora a Montero può ripetersi non solo a Santa Cruz, ma anche in altre zone del Paese. Secondo il giornale El Debe, le due vittime avevano 48 e 60 anni e sono morte a causa di un colpo d'arma da fuoco. Un medico della clinica di Montero ha confermato al giornale La Razon che ''entrambi i morti presentavano le stesse caratteristiche, con armi dello stesso calibro''.