Scontri Inter-Napoli, condannati 5 ultrà

webinfo@adnkronos.com
Il gup di Milano Carlo Ottone De Marchi ha condannato, al termine del processo con rito abbreviato, i cinque tifosi accusati di rissa aggravata e altri reati in relazione agli scontri del 26 dicembre scorso prima della partita Inter-Napoli in cui perse la vita Daniele Belardinelli. In particolare il giudice, a quanto si apprende, ha condannato Nino Ciccarelli a 3 anni e 8 mesi ritenuto storico capo di uno gruppo della curva nerazzurra per il quale il procuratore aggiunto Letizia Mannella e il pm Rosaria Stagnaro avevano chiesto la pena più alta (5 anni, 8 mesi e 10 giorni). Marco Piovella, considerato un altro fedelissimo della tifoseria interista, dovrà scontare la pena di 2 anni e 10 mesi (3 anni e 8 mesi e 20 giorni la richiesta avanzata dall'accusa). Condannato a tre anni Alessandro Martinoli, ultrà del Varese, tifoseria gemellata a quella interista i cui ultras, assieme a quelli del Nizza avrebbero preso parte anche loro all'agguato di Santo Stefano nei confronti dei tifosi napoletani. Gli altri due ultras nerazzurri imputati, Francesco Baj e Simone Tira dovranno scontare entrambi 2 anni e 6 mesi. Un sesto imputato, Luca Da Ros, che ha collaborato alle indagini, ha chiesto e ottenuto di patteggiare, con il consenso della procura, un anno e 10 mesi.

Il gup di Milano Carlo Ottone De Marchi ha condannato, al termine del processo con rito abbreviato, i cinque tifosi accusati di rissa aggravata e altri reati in relazione agli scontri del 26 dicembre scorso prima della partita Inter-Napoli in cui perse la vita Daniele Belardinelli. 

In particolare il giudice, a quanto si apprende, ha condannato Nino Ciccarelli a 3 anni e 8 mesi ritenuto storico capo di uno gruppo della curva nerazzurra per il quale il procuratore aggiunto Letizia Mannella e il pm Rosaria Stagnaro avevano chiesto la pena più alta (5 anni, 8 mesi e 10 giorni). 

Marco Piovella, considerato un altro fedelissimo della tifoseria interista, dovrà scontare la pena di 2 anni e 10 mesi (3 anni e 8 mesi e 20 giorni la richiesta avanzata dall'accusa). Condannato a tre anni Alessandro Martinoli, ultrà del Varese, tifoseria gemellata a quella interista i cui ultras, assieme a quelli del Nizza avrebbero preso parte anche loro all'agguato di Santo Stefano nei confronti dei tifosi napoletani. 

Gli altri due ultras nerazzurri imputati, Francesco Baj e Simone Tira dovranno scontare entrambi 2 anni e 6 mesi. Un sesto imputato, Luca Da Ros, che ha collaborato alle indagini, ha chiesto e ottenuto di patteggiare, con il consenso della procura, un anno e 10 mesi.