Scontri in Val di Susa, centinaia di feriti tra agenti e manifestanti

Torino, 4 lug. (Adnkronos/Ign) - E' di quasi 400 feriti tra forze dell'ordine e dimostranti il bilancio con cui ieri sera si è chiusa la lunga giornata di scontri in Val di Susa. Quattro le persone arrestate.

In particolare sono 188 gli uomini delle forze dell'ordine feriti negli scontri: 37 carabinieri, 15 finanzieri e 136 agenti della Polizia di Stato (un primo dirigente, 5 funzionari e 130 operatori dei reparti mobili).

A quanto riferiscono fonti del Movimento No Tav invece, sarebbero 223 i feriti tra i manifestanti. Sul totale di 188 uomini delle forze dell'ordine feriti, sono stati 110 quelli medicati all'ospedale Cto di Torino, nessuno in gravi condizioni. Al Cto portato anche uno dei manifestanti feriti.

Per quanto riguarda le persone arrestate, i reati contestati vanno dalla resistenza a pubblico ufficiale a violenza e lesioni. I quattro, insieme una quinta persona denunciata a piede libero, sono indagati anche per i reati di getto pericoloso di cose e possesso di materiale esplodente.

Ieri al termine degli scontri la Digos ha rinvenuto e sequestrato alcune bottiglie molotov in possesso dei manifestanti. Le forze dell'ordine hanno confermato la presenza di 6mila manifestanti ieri in Val di Susa, circa 3mila del Movimento No Tav aderenti ai cortei "istituzionali" mentre altri 3mila sarebbero i manifestanti violenti arrivati anche dall'estero. Per il Movimento invece, la partecipazione alla manifestazione è stata dieci volte superiore con oltre 50mila persone in marcia per dire no all'opera.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno