Scontrino da 430 euro per due piatti di spaghetti: la denuncia dei clienti

Scontrino da 430 euro per due piatti di spaghetti: la denuncia dei clienti

L’episodio ha visto protagoniste due turiste giapponesi che, recatesi in un ristorante romano, si sono trovate un salatissimo conto per due sole portate. Il loro scontrino reca la somma di 430 euro, ma i gestori si difendono: “Era tutto scritto“.

Scontrino da 430 euro

Dopo aver pranzato all’Antico Caffè di Marte, ristorante in pieno centro a Roma, le due clienti hanno postato sui social la foto dello scontrino rilasciato. I numeri parlano chiaro: 429.80 euro di cui 349.80 per il pasto consumato e 80 per la mancia ai camerieri.

Scontrino 430 euro

Lo scatto immortala soltanto il prezzo, senza far vedere il dettaglio dei piatti ordinati. Ma altre persone hanno confermato, sia sui social che su Tripadvisor, le salate cifre di quel ristorante. “Siamo stati derubati. Sul menu scrivono 6.5 euro per ogni etto di pesce, ma quando abbiamo finito il pranzo abbiamo pagato 476.4 euro“, scrive indignato un utente.

Un altro ha postato la fotografia di uno scontrino, rilasciato dal medesimo ristorante, dove i prezzi delle singole portate sono ben visibili. Qui spiccano i 315 euro che il cliente ha dovuto pagare per due sole grigliate di pesce.

I gestori del locale non hanno però tardato a replicare, sostenendo che i prezzi sono espressi in modo chiaro sul listino. E aggiungendo che un piatto di spaghetti allo scoglio costa massimo 16 euro, per cui le due turiste giapponesi avranno ordinato anche del pesce fresco, scelto direttamente dai consumatori, pesato e poi cucinato.

Per quanto riguarda la mancia spiegano che al momento di pagare viene chiesto al cliente se la vuole lasciare. In caso di risposta positiva può scegliere liberamente una cifra che va dal 10 al 20% dell’importo complessivo.