Scontro Borgonzoni-Fratoianni su Ius Culturae

webinfo@adnkronos.com

"Cosa vi hanno fatto i bambini?". E' scontro tra Nicola Fratoianni e Lucia Borgonzoni sullo Ius Culturae. Ospiti ieri sera di 'Piazza Pulita', su La7, il segretario di Sinistra Italiana si scaglia contro la leghista per la quale si rischia di avere persone che "nascono in un Paese, vanno da altre parti e poi tornano legate la terrorismo". 

"Questo lo possono fare anche i 18 anni, ma lì servono i servizi di intelligence. E' un'altra partita", replica Borgonzoni, che tuona: "Ogni volta che ne parliamo resto stupefatto. Ma di che cosa avete paura? Cosa vi spaventa dei bambini di 6 anni? Perché non volete dare gli stessi diritti che hanno i nostri figli". 

"I bambini però hanno gli stessi diritti", replica la leghista. Ma Borgonzoni non ci sta: "Non è così, e lo sa perché? Se il genitore di un bambino nato in Italia, che è stato 15 anni qui, perde il permesso di soggiorno perché non ha più il lavoro, è rispedito via, quel bambino che fine fa? Ve lo siete mai chiesto. Di fronte a questa cosa, la dovete finire con la propaganda".  

"La verità - continua ancora il segretario di Sinistra Italiana - è che i ghetti ci sono, ma se qualcuno va in quei posti, come fa Matteo Salvini tutti i giorni, a dire a quelle persone che in quei ghetti stanno male e agli italiani che la colpa del loro malessere è di chi sta ancora peggio di loro, cioè degli immigrati, allora legittima il fatto che le persone dicano che i bambini immigrati puzzano. Vi dovete vergognare, perché questo produce veleno nel Paese e il veleno ci vuole tanto a mandarlo via".