Migranti, Saviano a Di Maio: Cerca voti di chi li vorrebbe morti

redazione web
Scontro Di Maio-Saviano sui migranti. Lo scrittore: Cerca voti di chi li vorrebbe morti in mare

"Luigi Di Maio mi accusa senza mezzi termini di essere corresponsabile, con il mio "buonismo", dei crimini commessi sulla pelle dei migranti. Mi associa di fatto al Pd e al suo coinvolgimento in Mafia Capitale, perché di questo tratta Mafia Capitale: del business sui rifugiati, di cui mi sono occupato tra i primi attirando, inutile dirlo, l'ira del Pd". Lo scrittore Roberto Saviano replica a Luigi Di Maio sul tema delle navi delle Ong che aiutano i profughi. "Se fossi uno di loro, un grillino o un piddino, lo querelerei. Ma non mi interessa la politica politicante, dunque non lo farò. Quello che è certo è che Di Maio, con il suo intransigente "cattivismo", parla e compiace, in breve cerca i voti, di tutti quelli che i migranti li vorrebbero morti in fondo al mare. Come nel Cile di Pinochet (o era il Venezuela?)", conclude.

"Saviano - scrive sul blog di Grillo il pentastellato - parla per sentito dire. Affronta il tema dei migranti come se fosse una sceneggiatura per una serie di successo, non per quello che è, ossia un problema serio che costa migliaia di vite umane ogni anno. Ci sono alcuni dati che non possono essere ignorati se vogliamo parlare con cognizione di causa della questione".

"Definire taxi le imbarcazioni delle ONG non è un mio copyright. Prima di me, e a ragione, lo ha detto l'agenzia dell'UE Frontex nel suo rapporto Risk analysis 2017. Saviano questo lo ignora e parla a vanvera", precisa. "Saviano ignora anche che sempre Frontex ha affermato, dati alla mano, che "proprio il sovraffollamento sui barconi sta provocando più decessi" e che "i trafficanti, aspettandosi di trovare navi che salvino i migranti più vicine, forniscono poca acqua e scarsissimo cibo e carburante". Quindi "le ONG, che Saviano difende senza sapere neppure di cosa parla, stanno causando più confusione e più morti in mare", dice ancora Di Maio.

"Le Ong non hanno ridotto il numero di morti in mare. Il procuratore di Catania ha spiegato che "Le Ong lavorano spesso in prossimità del territorio e delle coste libiche. Abbiamo calcolato che negli ultimi quattro mesi del 2016 il 30% dei salvataggi con approdi a Catania è stato effettuato da quelle organizzazioni; nei primi mesi del 2017 quella percentuale è salita ad almeno il 50%. E accanto a questo dato emerge che il numero dei morti non è diminuito. Registriamo un dato che ci desta preoccupazione: il numero di morti in mare nel 2016 ammonta a 5000; nel triennio 2013-2015 le vittime di cui si è occupata la Procura di Catania sono state 2000: il che mi fa ritenere che la presenza di queste organizzazioni, a prescindere dagli intenti per cui operano, non ha attenuato il numero delle tragedie in mare", argomenta specificando di non cercare "i voti di chi vuole i migranti in fondo al mare, Saviano invece sostiene chi materialmente ne è causa. Consiglio a Saviano di informarsi prima di parlare per evitare figuracce", conclude.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità