Scontro fra filobus e camion dei rifiuti a Milano: 12 feriti, donna in coma

HuffPost
Incidente a MIlano

Uno scontro violentissimo tra due mezzi pesanti, uno dei quali è stato sbalzato sulla corsia opposta, travolgendo un semaforo: uno era un filobus della linea 90-91 dell’Atm, con a bordo una quindicina di passeggeri; l’altro era un camion per la raccolta dei rifiuti dell’Amsa.

Nuovo incidente nei trasporti milanesi, questa volta tra viale Egisto Bezzi e via Marostica, nella zona nord-ovest della città. Uno dei due mezzi, ancora non è certo quale, ha compiuto una manovra errata, forse ‘bruciando’ una precedenza. Lo scontro è stato semifrontale. Il filobus è stato proiettato dalla corsia preferenziale su quella opposta per la violenza dell’impatto mentre il camion dell’Amsa aveva la cabina semidistrutta.

Il risultato è stato di 18 persone coinvolte, 12 delle quali in ospedale e sei medicate sul posto. La più grave è una donna di 49 anni, sbalzata dal filobus e che ora è ricoverata in ospedale in stato di coma. Il conducente del bus, un uomo di 47 anni, ha riportato un trauma cranico commotivo ma non è in condizioni gravi. Il conducente del camion dell’Amsa, invece, è rimasto incastrato nell’abitacolo ed è stato estratto dai vigili del fuoco: ha probabilmente un femore fratturato. Altri passeggeri sono ricoverati in vari ospedali milanesi per contusioni, altri ancora sono stati soccorsi per stati d’ansia. Due minori sono stati medicati sul posto e affidati ai genitori.

“Oggi non è una giornata semplicissima”, ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, arrivando alla Scala per la Tosca che inaugura la stagione e aggiungendo: “Sono cose che ti fanno sentire impotente”. Le indagini degli agenti della Polizia locale di Milano partiranno dalle testimonianze dei conducenti, che si trovano in ospedale e dalle analisi delle telecamere della zona per essere raccolte in una relazione alla Procura che ipotizzerà perlomeno il reato di lesioni colpose a carico dei conducenti.

L’incidente di oggi, che vede coinvolto un mezzo pubblico, è...

Continua a leggere su HuffPost