Scontro sul ddl Zan tra Pd-M5s-Leu e Iv. E i diritti vanno in vacanza

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - JULY 13:  People take part in the demonstration near the Senate to support Zan Law against homotransphobia, misogyny and ableism, on July 13, 2021 in Rome, Italy. The debate on the Law against homotransphobia, named after Alessandro Zan, its promoter, begins today in the Senate. Collectives and associations of the LGBTQ+ community are calling for the law to be passed without compromises and discounts. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - JULY 13: People take part in the demonstration near the Senate to support Zan Law against homotransphobia, misogyny and ableism, on July 13, 2021 in Rome, Italy. The debate on the Law against homotransphobia, named after Alessandro Zan, its promoter, begins today in the Senate. Collectives and associations of the LGBTQ+ community are calling for the law to be passed without compromises and discounts. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Corbis via Getty Images)

I diritti vanno in vacanza. Non c’è pace per il ddl Zan che conosce al senato l’ultima battuta di arresto di una lunga serie. Tutto rinviato a settembre, decreti permettendo. In conferenza dei capigruppo a Palazzo Madama Italia viva prova a chiedere una riunione di maggioranza per discutere di eventuali modifiche al testo. Ma non fa un’esplicita richiesta di calendarizzazione. Pd, M5s e Leu rispondono picche sul vertice politico. “Non ci siamo riusciti finora, come facciamo in così poco tempo?” spiega Loredana De Petris. A Iv viene fatta allora la richiesta esplicita di chiedere la calendarizzazione del ddl, ma, secondo quanto riferisce la presidente dei senatori dem Simona Malpezzi, Iv non accetta. La riunione sul calendario si chiude allora con una decisione all’unanimità, e tiene fuori dall’aula di Palazzo Madama il ddl zan.

Oggi il senato vota il decreto cybersicurezza per chiuderlo domani mattina. Sempre domani mattina, dalle 11, tocca al rendiconto di bilancio. Quindi nel pomeriggio dalle 16 il ddl di autorizzazione alle missioni. Giovedì sbarca in aula il decreto grandi navi. Il ddl Zan è invece incagliato dalla maretta interna al centrosinistra, con Pd, Leu e M5s convinti di poterla spuntare sul testo votato alla camera e Iv favorevole alla modifica, secondo una posizione vicina alla mediazione proposta anche dalla Lega. Non sarà agosto il mese per risolvere la questione. Pro e contro il ddl zan, tutti rimandati a settembre. I diritti possono aspettare.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli