Scontro tra populismi sulla pelle dei migranti: Macron attacca Salvini per colpire Le Pen, fingendo superiorit� etica sull'immigrazione

Angela Mauro

Una guerra tra populismi, italiano e francese, sulla pelle dei migranti. Da un lato, Matteo Salvini, sempre pi羅 dominus del governo gialloverde e 'guastatore' delle diplomazie europee. Dall'altro lato, Emmanuel Macron, che non ha una superiorit� etica da rivendicare in tema di accoglienza, basti guardare i punti caldi di frontiera come Ventimiglia o Calais. Eppure il presidente francese rintuzza gli attacchi di Salvini, non si scusa per le parole arrivate ieri da Parigi sul caso della Aquarius (il suo portavoce di En Marche ha parlato di approccio "vomitevole"). Macron contrattacca, tanto che il premier Giuseppe Conte 癡 costretto a valutare seriamente l'ipotesi di annullare il bilaterale di venerd穫 all'Eliseo. Macron attacca Salvini per non cedere all'avversaria interna Marine Le Pen.

Mai come in questo momento le ragioni di politica interna hanno preso il sopravvento su quella comunitaria. L'Ue vede la sua fine da vicino. Nell'informativa in Senato Salvini 癡 pi羅 che chiaro: "Non possiamo essere gli unici a salvare vite nel Mediterraneo. Se l'Ue c'癡, batta un colpo o taccia per sempre". Angela Merkel lancia un grido d'allarme per bloccare il nascente 'asse dei volenterosi' tra Roma, Berlino e Vienna lanciato dal Cancelliere austriaco Sebastian Kurz, alleato di Salvini. "Oltre all'Italia, molto esposta alla migrazione - dice Merkel - ci sono anche la Grecia e la Spagna, ci deve essere cooperazione".

Ma oggi la scena 癡 tutta concentrata sullo scontro muscolare tra Salvini e Macron. Il primo detta le condizioni per la tregua dopo l'informativa sul caso Aquarius in Senato. Conte fa bene a non andare in Francia "se non ci sono scuse ufficiali", dice. Le detta innanzitutto al presidente del Consiglio, continuando con la linea di questi giorni: quella di prendersi tutto lo spazio che pu簷 nel governo. In Senato, per dire, Salvini parla dalla poltrona di solito riservata al presidente del Consiglio, che 癡 diversa da tutte le altre nei banchi del governo. Una...

Continua a leggere su HuffPost