Scoperta nel Varesotto maxi discarica abusiva di rifiuti speciali

Red-Alp

Milano, 11 ott. (askanews) - I carabinieri del Nucleo operativo ecologico (Noe) di Milano, in collaborazione con i militari della Compagnia di Saronno (Varese), hanno scoperto a Origgio (Varese) oltre 3.500 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi illegalmente stoccati in uno stabilimento industriale. Si tratta principalmente di imballaggi misti, materiali inerti e penumatici fuori uso. Lo ha riferito l'Arma, spiegando che l'azienda, "seppur formalmente operante nel campo del trattamento dei rifiuti, a seguito di trasformazione societaria non era in possesso di autorizzazioni valide e, pertanto, al termine degli accertamenti, veniva sequestrato l'intero impianto (di circa 22.800 metri quadrati) insieme con otto mezzi meccanici utilizzati per la movimentazione e lo stoccaggio dei rifiuti, per un valore complessivo che si aggira attorno ai 2 milioni di euro".

I successivi accertamenti dei carabinieri del Noe di Milano hanno permesso quindi di risalire al legale rappresentante della società che aveva ceduto il ramo d'azienda e all'amministratore unico della ditta cessionaria, che sono stati denunciati per traffico illecito di rifiuti.

I militari hanno poi annunciato che nei prossimi giorni saranno svolte le attività di campionatura e caratterizzazione dei rifiuti allo scopo di procedere alla rimozione per inviarli a recupero presso impianti autorizzati.