Scoperta nel Varesotto piantagione con 5.500 piante di canapa

Red-Alp

Milano, 7 ago. (askanews) - I militari della Compagnia della guardia di finanza di Varese hanno sequestrato oltre 5.500 piante di canapa con un livello di "thc" superiore ai limiti di legge e hanno denunciato un trentenne di Gavirate (Varese) che curava la coltivazione.

Nel dare la notizia, le fiamme gialle hanno spiegato che si tratta di circa 700 kg di piante di diversa altezza, alcune delle quali ancora piantate in mastelli di plastica nascoste tra la boscaglia, in un terreno che era già in uso ad una società produttrice di infiorescenze di canapa cosiddetta "light" e che aveva effettuato un unico raccolto nel 2018 e poi lo aveva lasciato in stato di abbandono perché aveva cessato l'attività.

Il conduttore del fondo, è stato bloccato dopo un'attività di osservazione, mentre a bordo di un'autovettura contenente grossi innaffiatoi entrava nel terreno e controllava la crescita delle canapa. Si tratta di un ex collaboratore della società. Le piante sono state estirpate e sottoposte a sequestro e la successiva analisi "ha dato la certezza di trovarsi di fronte ad un netto superamento dei livelli di THC consentiti dalla legge".