Scoperte in Bolivia 35 nuove specie di pesci

AGI - Il numero di specie ittiche registrate nel Parco Nazionale di Madidi e nell'Area di Gestione Integrata Naturale (PNANMI), in Bolivia, è raddoppiato fino a raggiungere l'incredibile cifra di 333 specie - con ben 35 specie nuove per la scienza - secondo uno studio condotto nell'ambito della spedizione Identidad Madidi guidato dalla Wildlife Conservation Society. I risultati sono descritti nell'ultimo numero di Neotropical Hydrobiology and Aquatic Conservation. Lo studio elenca le specie ittiche la cui presenza a Madidi è stata confermata, comprese quelle registrate durante le spedizioni di Identidad Madidi, e una raccolta di occorrenze di specie elencate in studi precedenti, fornendo una stima della ricchezza ittiologica totale per questa area protetta. L'elenco delle specie per l'area protetta di Madidi comprende 35 possibili nuove specie per la scienza.

Esemplari meravigliosi come il dorado dorato

Le dimensioni delle specie variano dall'arapaima invasivo ( Arapaima gigas ), un gigante che respira con la bocca del peso di oltre 200 kg e lungo più di 3 m, al killifish abbondante stagionalmente ( Anablepsoides beniensis ) della famiglia Rivulidae che si trova nelle pozze nelle savane naturali che sono lunghi solo 1,5 cm. L'elenco comprende anche il pesce selvatico più attraente dell'Amazzonia, il dorado dorato ( Salminus brasiliensis ), nonchè il pesce gatto migratore dal pesce gatto golia amazzonico ( Brachyplatystoma filamentosum ) al minuscolo pesce gatto matita chipi chipi la cui massiccia migrazione collettiva è un fenomeno locale ( Trichomycterus barbouri ). Un altro killifish ( Orestiassp.) si trova in alcuni dei laghi andini più alti a 4.300 m a Madidi, mentre negli stagni vivono esemplari del meraviglioso pesce coltello elettrico amazzonico ( Gymnotus carapo ) e dell'anguilla palustre ( Synbranchus madeirae ), e nei torrenti impetuosi delle sorgenti amazzoniche, diverse specie di pesce gatto nudo ( Astroblepus spp.), tra cui probabilmente diverse nuove specie per la scienza.

Le 35 possibili nuove specie per la scienza includono candidati del genere Knodus , Microgenys, Moenkhausia, Characidium, Apareiodon, Brachyhypopomus, Ernstichthys (genere segnalato per la prima volta in Bolivia), Astroblepus, Trichomycterus (tra cui una specie recentemente descritta e nominata in onore di un ittiologo francese pioniere in Bolivia), e un pesce gatto a tre spine ( Cetopsorhamdia ), un sorprendente ciclide luccio ( Crenicichla ) e un affascinante pesce gatto calabrone ( Microglanis ), tra gli altri.

Le indagini sulla biodiversità e le ricerche sul campo sono state condotte tra il 2015 e il 2018 da specialisti della Wildlife Conservation Society (WCS), dell'Institut de Recherche pour le Dèveloppement de Montpellier (Francia) e del Museo Nazionale di Storia Naturale e dell'Istituto di Ecologia dell'Universidad Mayor de San Andrès. Madidi è probabilmente l'area protetta biologicamente più diversificata del mondo a causa di un gradiente altitudinale unico di quasi 6.000 m che attraversa le Ande tropicali e l'Amazzonia. Per quattro anni, gli specialisti hanno condotto un ampio campionamento ittiologico in 13 siti del Parco Nazionale Madidi, utilizzando diverse tecniche di campionamento: elettropesca, reti da posta, reti da traino, ami e lenze e reti per ittioplancton. Le specie di ittioplancton sono state identificate mediante caratterizzazione genetica (metabarcoding). Sono state censite complessivamente 333 specie distribuite in 43 famiglie e 13 ordini.

Raddoppia il numero dell'ittiofauna finora nota

Questo numero raddoppia l'ittiofauna precedentemente nota (161) a Madidi. Il maggior numero di specie si trova nell'ordine Characiformes (139 specie; 41,7%), seguito da Siluriformes (137 specie; 41,1%) e Cichliformes (19 specie; 5,7%), che insieme rappresentano l'88,6% della ricchezza di specie. Il restante 11,4 percento è distribuito in altri 10 ordini. Le famiglie con il maggior numero di specie sono i caracidi (73 specie; 21,9%), i loricariidi (36; 10,8%), gli eptapteridi (21; 6,3%), i pimelodidi (21; 6,3%) e i ciclidi (19; 5,7%).

L'autore principale dello studio, Guido Miranda, della Wildlife Conservation Society, ha dichiarato: "Con un'estensione di 18.957,5 chilometri quadrati (7.319 miglia quadrate), Madidi copre l'1,3% del bacino del fiume Madeira, ma conserva il 25% delle specie conosciute nel bacino . Anche Madidi rappresenta solo l'1,8% del territorio boliviano, ma conserva quasi il 40% dell'ittiofauna registrata in Bolivia. Questo studio ha più che raddoppiato le nostre conoscenze sulla diversità dei pesci in questa incredibile area protetta, ma con diversi sottobacini ancora da campionare nel parco, questo è solo l'inizio".

Madidi è l'area più ricca di biodiversità del pianeta

Il dottor Rob Wallace, Senior Conservation Scientist presso la Wildlife Conservation Society, leader delle spedizioni Identidad Madidi e coautore, ha dichiarato: "A causa della sua grande diversità di habitat, principalmente come risultato del gradiente altitudinale da 184 metri (Heath River) a 6.044 metri (Chaupi Orko Peak), Madidi è considerata l'area protetta più ricca di biodiversità del pianeta. L'iniziativa Identidad Madidi mirava a stabilire con fermezza questo status da record per il parco, comunicando al contempo l'importanza di Madidi al popolo boliviano. Questo è il primo di numerosi articoli riassuntivi sulla biodiversità che gli scienziati boliviani della spedizione stanno sistematizzando per condividere i risultati dei nostri sforzi con la Bolivia e il mondo".