Scoperti a Roma 35 "saltafila" senza autorizzazione

Cro/Ska

Roma, 7 ago. (askanews) - I Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro supportati da quelli dell'8° Reggimento "Lazio" stanno portando avanti una vasta operazione di controllo nell'area di San Pietro e Ottaviano mirata alla prevenzione e al contrasto di ogni tipo di illegalità e degrado.

In questo contesto, sono state denunciate 2 persone, altre 35 sono state sanzionate amministrativamente così come 3 titolari di attività di promozione turistica.

L'attenzione dei Carabinieri è stata rivolta, in particolare, al mondo dei cosiddetti "saltafila" e dei "promoters" turistici che a decine invadono punti strategici della Capitale a caccia di visitatori a cui proporre visite guidate o escursioni a pagamento.

In 35 - perlopiù cittadini del Bangladesh, ma anche afghani, indiani e romeni - sono stati sorpresi ad esercitare questo tipo di attività senza alcuna autorizzazione e sono stati sanzionati per complessivi 14.000 euro. Stessa sorte per 3 titolari di attività di promozione turistica della Capitale che, per aver impiegato personale non autorizzato, sono stati sanzionati a loro volta per un totale di 1.200 euro.

Tra i promoters turistici multati, un cittadino del Bangladesh di 32 anni è risultato inottemperante all'ordine di espulsione emesso dal Questore di Potenza lo scorso 22 maggio, venendo pertanto denunciato a piede libero e avviato al Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Bari.

I Carabinieri hanno anche sequestrato numeroso materiale pubblicitario di tour guidati e di escursioni nella Capitale, 3 segway, pettorine e tesserini di identificazione dei vari Tour Operators e un tablet trovato nella disponibilità delle guide fuorilegge contenente materiale informatico inerente le visite guidate nella zona di San Pietro.

La maggior parte delle persone sanzionate, inoltre, sono state sorprese a svolgere la loro attività illegale all'interno dell'area "UNESCO", limitando la libera accessibilità e la fruizione da parte di cittadini e turisti, motivo per cui nei loro confronti è stata richiesta anche l'emanazione del DASPO Urbano.

Durante i controlli, i Carabinieri hanno sorpreso una cittadina romena di 25 anni, pregiudicata e proveniente dal campo nomadi di via Luigi Candoni, che nel sottopasso di Porta Cavalleggeri stava impiegando il figlioletto di soli 2 anni nell'accattonaggio. Anche per lei è scattata la denuncia a piede libero per maltrattamento di minori.