Scoperto il millepiedi più lungo al mondo

·1 minuto per la lettura

AGI - Il millepiedi con più di mille zampe esiste davvero. La scoperta è riportata in Scientific Reports da Paul Marek e colleghi del dipartimento di Entomologia dell'Università Virginia Tech negli Stati Uniti.

Prima d'ora, nessun millepiedi era stato trovato con più di 750 zampe. I ricercatori statunitensi hanno scoperto il millepiedi a 60 metri di profondità in un foro creato per l'esplorazione mineraria nell'area mineraria della provincia australiana di Eastern Goldfields.

Ha 1.306 zampe, più di qualsiasi altro animale, e appartiene a una nuova specie che è stata chiamata Eumillipes persephone. 

Il nome del millepiedi deriva dalla parola greca eu- (vero), dalle parole latine mille (mille) e pes (piede), e fa riferimento alla dea greca degli inferi, Persefone.

Gli autori hanno misurato quattro membri della nuova specie e hanno scoperto che hanno corpi lunghi e filiformi composti da un massimo di 330 segmenti e sono larghi fino a 0,95 mm e lunghi 95,7 mm.

Sono senza occhi, hanno zampe corte e teste a forma di cono con antenne e becco. L'analisi delle relazioni tra le specie suggerisce che E. persephone è lontanamente imparentato con il precedente detentore del record per il maggior numero di zampe: la specie di millepiedi californiano, Illacme plenipes.

Gli autori suggeriscono che il gran numero di segmenti e zampe che si sono evoluti in entrambe le specie può consentirgli di generare forze di spinta che consentono loro di muoversi attraverso strette aperture negli habitat del suolo in cui vivono. 

Dato che i risultati evidenziano l'incredibile biodiversità trovata all'interno della provincia di Eastern Goldfields, gli autori consigliano di fare sforzi per conservare l'habitat sotterraneo di E. persephone e ridurre al minimo l'impatto dell'estrazione mineraria in questa regione. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli