Scoppia il "caso" Castellino a Montecitorio

no credit

AGI - "Domani alla Camera Castellino, l'ex leader di Forza Nuova, responsabile dell'attacco alla Cgil, presenta il suo nuovo partito. A nessuno è venuto in mente di dire che non si può. La destra estrema sfrutta le istituzioni democratiche a proprio uso e consumo". A denunciarlo su Twitter è Lia Quartapelle, responsabile esteri del Pd.

A cui si aggiunge l'ex segretaria generale della Cgil, ora senatrice dem, Susanna Camusso, che incalza: "Apprendo che domani alla Camera si svolgerà la presentazione del movimento politico 'Italia libera' a cui parteciperà Giuliano Castellino. Non do giudizi politici sul nascente movimento politico, ma sono esterrefatta che l'ex leader di Forza Nuova, imputato per l'assalto alla Cgil del 9 ottobre del 2021, intervenga nella sede di una istituzione parlamentare".

Il 'caso' riguarda una conferenza stampa, prevista nel primo pomeriggio di domani, che si svolgerà alla Camera, nella sala dedicata agli incontri con i giornalisti, a cui dovrebbe prendre parte Castellino. La conferenza stampa è stata indetta per presentare il nuovo soggetto politico 'Italia libera', fondato dallo stesso Castellino e presentato a fine ottobre in una conferenza stampa a Roma, ai Parioli, assieme al suo difensore - per il processo sull'assalto alla sede nazionale della Cgil - l'avvocato Carlo Taormina.

"Trovo inaccettabile che la Camera dei deputati possa ospitare uno dei responsabili dell'assalto fascista alla Cgil, già condannato per altro reato, e che è in regime di sorveglianza speciale data la sua pericolosità. Che un deputato di questa destra permetta il suo ingresso dimostra i loro legami con il neofascismo. I vertici della Camera dei deputati evitino questo oltraggio". questo il commento del leader di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.