Scoppia una rissa fra due gruppi di giovani, poi uno tira fuori una pistola e spara nel mucchio

·2 minuto per la lettura
La polizia sta indagando sulla sparatoria
La polizia sta indagando sulla sparatoria

Notte di terrore e violenza a Taranto dove nella notte si è verificata una sparatoria, l’ennesima in terra pugliese, in un lido discoteca con un bilancio serissimo: dieci feriti, uno dei quali è grave. Sono in tutto dieci le persone ferite dai colpi esplosi durante la sparatoria nello Yachting club di San Vito, vicino Taranto, tutte di età compresa fra i 18 e i 28 anni, e una di esse è ricoverata in prognosi riservata a causa di ferite più serie. Ma cosa è accaduto? Stando ad una prima ricostruzione dei media il locale, uno dei più conosciuti della zona per eventi di vario tipo, stava ospitando una festa di studenti universitari.

Taranto, sparatoria notturna nel lido: la rissa fra due gruppi di giovani

Ad un certo punto sarebbero però sorte frizioni fortissime fra due gruppi, uno di ragazzi provenienti da Grottaglie ed un altro di giovani del quartiere Tamburri. L‘astio iniziale si è trasformato il lite, poi in rissa, poi in sparatoria vera e propria. Sempre secondo la prima ricostruzione dell’accaduto ad un certo punto uno dei ragazzi coinvolti nella rissa fra i gruppi ha impugnato una pistola indicata come calibro 9 ed ha iniziato a sparare all’aperto.

Terrore a Taranto, sparatoria notturna nel lido e fuoco su 300 persone

I colpi però sono stati indirizzati esattamente nello spazio del locale adibito a discoteca, e in quel momento quello spazio era occupato da circa 300 persone. La grandinata di colpi ha colpito quattro ragazze e sei ragazzi in tutto. Ma i feriti non sarebbero solo da arma da fuoco: un’altra lettura dell’accaduto su cui sta indagando la polizia dà invece alcuni ragazzi raggiunti direttamente dai proiettili, altri feriti perché schiacciati dalla calca innescatasi all’udire degli spari e alla vista dei colpiti che cadevano a terra.

Taranto, sparatoria notturna nel lido, le indagini della Polizia

Pare che più che di sparatoria in senso dinamico si sia trattato della singola azione di un esagitato armato, sulle cui tracce sono in queste ore gli agenti della Polizia di Stato. Fra i feriti da piombo alcuni sono dovuti finire immediatamente in sala operatoria per l’estrazione dei proiettili. Le indagini della polizia, come da prassi, stanno procedendo su due fronti distinti: da un lato con la verbalizzazione dei testimoni e l’assunzione a sommarie informazioni per ricostruire cause e dinamica precisa dell’accaduto, dall’altro con l’acquisizione di elementi di riscontro per intercettare l’autore della sparatoria, che è ancora alla macchia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli