Scorsese e quel documentario mai girato con Fellini. Il regista conquista la Festa di Roma

Giuseppe Fantasia

Da "Mean Streets" a "Taxi Driver", da "Toro Scatenato"a "Quei bravi ragazzi" e "Casinò", da "Gangs of New York"a "The Departed", "The Wolf of Wall Street" e "Silence", compreso l'applauso finale di Robert De Niro: inizia con un'emozionante carrellata dei suoi film più conosciuti montati ad arte, "l'Incontro Ravvicinato" con Martin Scorsese (1942),star indiscussa di questa 13esima Festa del Cinema di Roma, con un Auditorium Parco della Musica preso d'assalto da migliaia di persone per poter vedere dal vivo il regista Premio Oscar per "The Departed" (nove sono le nomination ricevute ad oggi).

Il regista, che proprio ultimamente è diventato "cittadino italiano"del comune di Polizzi Generosa, in provincia di Palermo, ha scelto nove sequenze di film da lui molto amate del cinema italiano, tutte e nove prese da nove film girati ed usciti nel decennio che va dal 1950 al 1960, "ma la mia – spiega – è solo un'indicazione sommaria dei film che hanno influenzato gli anni della mia formazione. Il cinema italiano lo ha fatto", spiega al pubblico che lo accoglie con una standing ovation all'inizio e alla fine, quando riceve il "Premio alla Carriera" dal regista Paolo Taviani.

"A casa avevamo un piccolo televisore e vedevamo film, ma il neorealismo era per me una vita reale, erano film che avevano qualcosa che aveva una connessione con la mia famiglia e i miei nonni. Non sembrava cinema, ma vita vera, quasi se fosse stata la quotidianità". "Molti di questi da me scelti questa sera – aggiunge – li ho visti in pochi anni e mi hanno influenzato, mi hanno cambiato la vita".

Il primo spezzone di film ad aver scelto è "Accattone" (1961) di Pier Paolo Pasolini , che vide per la prima volta ad un festival di New York nel 1963, "un'esprienza indimenticabile e potente". "Sono cresciuto in un quartiere duro al centro di NYC, avevo visto "Sul fronte del porto" di Kazan, ma era fatto dagli studios. Questo film italiano era invece il primo con persone con cui potevo...

Continua a leggere su HuffPost