Scozia pronta a chiedere un secondo referendum sull'indipendenza dalla Gran Bretagna

HuffPost

La richiesta scozzese per un secondo referendum sull’indipendenza arriverà la prossima settimana sul tavolo di Londra. Lo ha affermato Ian Blackford, capo dei nazionalisti scozzesi a Westminster.
Nicola Sturgeon, primo ministro scozzese, non sembra volersi rassegnare alla prima bocciatura arrivata da Boris Johnson e, forte del consenso raggiunto nelle elezioni politiche, è decisa a “non farsi dettare” l’agenda dal partito che ha perso a Edimburgo, ovvero i conservatori. “La Scozia ha scelto un futuro diverso” da quello di Londra, ha detto Sturgeon alla Bbc, sottolineando di star mettendo a punto “un dossier dettagliato per il trasferimento di poteri”. Sturgeon procederà “passo po passo” ma in un percorso che vuole restare “legale” e “costituzionale”.

Continua a leggere su HuffPost