In Scozia si è sciolta la storica chiazza di neve 'La sfinge'

·2 minuto per la lettura

AGI - Per l'ottava volta in 300 anni, si è totalmente sciolta quella che è considerata la storica macchia di neve nota come La Sfinge, a Braeriach, punto più alto del massiccio occidentale scozzese dei Cairngorm nonché terza vetta in Gran Bretagna.

Il suo scioglimento, diventato sempre più frequente negli ultimi 18 anni, viene direttamente collegato al riscaldamento globale. La notizia è giunta mentre la Cop26 sul clima è in corso a Glasgow e suona come un ulteriore campanello d'allarme per gli ecosistemi e lo stato di salute del pianeta.  

Precedentemente, ‘The Sfinx' si era già sciolto del tutto nel 1933, 1959, 1996, 2003, 2006, 2017 e 2018.

Questa volta, dopo essersi ridotta alle dimensioni di un foglio A4 nelle scorse settimane, la Sfinge è poi totalmente scomparsa. Si trova a Garbh Choire Mor, una cavità formata dal ghiaccio o da un ghiacciaio durante l'ultima era glaciale, a 1.296 metri di altitudine a Braeriach. 

“La toppa da neve più duratura del Regno Unito è ipotecata perché sta scomparendo sempre più spesso” ha riferito alla Bbc l'esperto di ghiacciai Iain Cameron, autore del libro “The Vanishing Ice”.

Il clima sempre più mite, con temperature più elevate e cadute di neve inferiori sono considerate come “le spiegazioni più logiche all'aumentato tasso di scioglimento”.

Condizioni climatiche e meteorologiche che riguardano le altre montagne della Scozia, come la catena Ben Nevis, più alta dei Cairngnorm.

A confermare il trend negativo è anche l'ultimo rapporto commissionato dall'Autorità nazionale del parco dei Cairngorm, che ha indicato nell'inverno 1983-1984 il punto di svolta a partire dal quale è diminuito il numero di giorni di neve nella catena delle Highlands scozzesi, mentre il riscaldamento climatico è fatto risalire agli anni 60'.

Entro il 2080 ci saranno annate con pochissima o niente neve ai Cairngorm. “Dobbiamo mantenere una temperatura sana affinché i nostri ecosistemi e le nostre comunità sopravvivano” ha avvertito Lauren McCallum, esponente della campagna internazionale contro il cambiamento climatico del gruppo Protect Our Winters.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli