Scritta contro Salvini a Bergamo: i richiedenti asilo la cancellano

scritta contro Salvini a Bergamo

Sono moltissimi gli insulti a Salvini che tappezzano le pareti di edifici e le vie di diverse città. A Bergamo aveva indignato il gesto di alcuni oppositori del Carroccio che avevano imbrattato con vernice rossa la sede del candidato sindaco leghista Giacomo Stucchi. Sul marciapiede la scritta “Salvini muori”. Per Stucchi si è trattato di “un grave e vile atto vandalico”. Alle sue parole avevano fatto eco quelle del leader del partito, che su Facebook aveva commentato la vicenda parlando di “vigliacchi, violenti, penosi nazisti rossi. Spero vi prendano. Più ci attaccate, più ci date forza”. E proprio da Bergamo sono arrivate nuove minacce indirizzate al leghista. A ripulire il muro di una chiesa cancellando la scritta contro Salvini a Bergamo ci hanno pensato dei giovani migranti richiedenti asilo. L’iniziativa piace e fa riflettere.

A commentare l’episodio è il sindaco Giorgio Gori, che sul suo profilo Facebook ha pubblicato le foto degli stranieri intenti a ripulire le pareti dell’edificio ecclesiastico.

Scritta contro Salvini a Bergamo

È un gruppo di giovani richiedenti asilo ad aver pulito e riverniciato il muro della chiesa di Santa Lucia in via XX Settembre e da un muro di via dei Caniana. La scritta “Salvini appeso, no tav” aveva alterato il capogruppo del Carroccio in consiglio comunale, Alberto Ribolla. Per questo motivo, il leghista aveva avanzato la richiesta di cancellare gli insulti. Quelle parole sono “vergognose”.

scritta contro Salvini a Bergamo

Ad assumere l’incarico sono stati i ragazzi ospiti dall’Accademia dell’integrazione. Si tratta di un progetto avviato dal Comune di Bergamo insieme alla Diocesi e Confindustria. L’obiettivo è di accogliere giovani richiedenti asilo, favorendo la loro integrazione nella nostra società. Il percorso prevede l’apprendimento dell’italiano, formazione professionale e lo svolgimento di lavori di pubblica utilità.

scritta contro Salvini a Bergamo

Il sindaco Gori ha pubblicato le foto su Facebook. “Matteo Salvini ha fortemente penalizzato tutte le attività volte a favorire l’integrazione dei richiedenti asilo. Il gesto dei ragazzi dell’Accademia di Bergamo mi pare una bella risposta, di quelle che fanno pensare”, scrive Gori.

scritta contro Salvini a Bergamo