Scrittori: è morta Eve Babitz, narratrice della Los Angeles degli eccessi

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Los Angeles, 19 dic. – (Adnkronos) – La scrittrice e giornalista statunitense Eve Babitz, narratrice di splendori, glorie, trionfi, sogni, eccessi e miserie dello star system di Hollywood, è morta venerdì 17 dicembre in un ospedale di Los Angeles all'età di 78 anni per le complicazioni del morbo di Huntington.

E' autrice di tre libri usciti in Italia da Bompiani, memorie fittizie e corrosive in cui racconta e canta la scena culturale di Los Angeles di cui è stata testimone e musa: "Slow days, fast company. Il mondo, la carne, L. A." (2017) e "Sex&rage. Consigli a giovani donne che hanno voglia di divertirsi" (2019) e "L.A. Woman" (2021).

Nata a Los Angeles il 13 maggio 1943, figlia d'arte (la madre era un'artista, il padre un violoncellista che lavorava per la 20th Century Fox), Babitz ha avuto come padrino il leggendario compositore Igor Stravinskij. A vent'anni è stata fotografata da Julian Wasser in modo spettacolare mentre giocava a scacchi nuda con l'artista Marcel Duchamp, scandalizzando l'Armerica dell'epoca. Ha disegnato copertine di celebri dischi e soprattutto è stata una straordinaria tessitrice di pettegolezzi sui protagonisti del jet-set di cui è stata amica e frequentatrice. Come scrittrice è stata capace di evocare luci pittoriche in due frasi, di costruire paesaggi e distruggere persone con la stessa grazia fulminante.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli