“Scrittori in classe”, bambini e ragazzi raccontano lo Spazio

Red
·5 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 feb. (askanews) - "Le tecnologie spaziali servono a facilitare la vita quotidiana sulla Terra e a preparare un futuro migliore e sostenibile per i ragazzi, proprio quelli che hanno partecipato con entusiasmo a questo concorso, come si vede leggendo i loro racconti così pieni di immaginazione. E tra di loro, anche grazie a questa iniziativa, magari ce ne saranno alcuni che decideranno di intraprendere un percorso di studi personale per contribuire in maniera efficace al futuro delle attività spaziali". Così il presidente dell'Agenzia spaziale italiana Giorgio Saccoccia aprendo nell'Auditorium dell'Asi a Roma l'evento in streaming "La scuola, il futuro della nostra Comunità" a cui hanno partecipato Francesco Pugliese, Amministratore Delegato Conad, Luca Parmitano, astronauta ESA e primo italiano a effettuare attività extraveicolare nello spazio, la responsabile Education di ASI Germana Galoforo e il Presidente ANISN Paola Bortolon, introdotti da Marianna Aprile.

Evento che si è concluso con la premiazione delle 12 classi vincitrici della settima edizione di "Scrittori di Classe" a tema spaziale, progetto di Conad rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado sul territorio nazionale, che si pone come obiettivo quello di diffondere valori fondamentali e quanto mai attuali come il piacere della lettura e della scrittura, un approccio alla didattica più dinamico e a misura degli studenti e l'importanza della crescita culturale. Un appuntamento consolidato che ha visto coinvolti nelle sette edizioni 3 milioni di alunni e 140.000 classi, distribuito gratuitamente 20 milioni di libri e donato 30 milioni di euro in attrezzature informatiche e materiali didattici alle scuole.

Dopo avere affrontato tematiche come la sana e corretta alimentazione, lo sport, l'ambiente e la resilienza, la scelta del tema della settima edizione di "Scrittori di Classe" è stata lo Spazio. "Storie Spaziali", realizzato in collaborazione con Agenzia Spaziale Italiana (ASI), European Space Agency (ESA) e Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali (ANISN), rappresenta un innovativo progetto didattico incentrato sulla presa di coscienza dei problemi ambientali del nostro pianeta, visti dallo spazio. Sono state oltre 22mila le classi iscritte provenienti da oltre 7.600 scuole, con più di 6mila racconti pubblicati sulla piattaforma dedicata al progetto.

"In un periodo così complesso abbiamo voluto confermare e rafforzare il nostro impegno per la scuola e per le nuove generazioni, che rappresentano il futuro della nostra Comunità" ha commentato Francesco Pugliese, Amministratore Delegato di Conad. "La grande partecipazione al concorso, i milioni di libri che saranno distribuiti dai nostri Soci nei punti vendita, le donazioni di materiali didattici alle scuole sono un risultato che rende noi di Conad orgogliosi e più fiduciosi nel futuro. Siamo convinti che investire in iniziative che abituino i ragazzi a comunicare pensieri, valori e ideali sia un bene per la crescita di tutto il Paese. É il nostro modo per fare rete sul territorio, per avere un ruolo attivo nel mondo della scuola grazie a Cooperative e Soci che lavorano quotidianamente al servizio delle Comunità".

A premiare i ragazzi l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano, collegato dal Centro Astronauti Europeo di Esa in Germania, a cui i partecipanti al concorso, collegati dalle loro classi, hanno potuto anche rivolgere alcune domande. Nel corso del collegamento Parmitano ha ripreso una frase pronunciata da uno dei ragazzi - "La nostra classe è una famiglia in cui siamo tutti diversi" - per parlare di comunità e diversità. "É un concetto bellissimo e sarebbe ancora più bello se riuscissimo ad allargarlo dalla classe alla scuola, dalla scuola alla comunità, dalla comunità a un Paese e da un Paese a tutto il mondo. La diversità è una ricchezza. Oggi è importante seguire l'esempio che è arrivato da questi bambini: il loro approccio di inclusione cambierà il mondo, un mondo che è una grande famiglia in cui siamo tutti diversi e tutti, ognuno con le proprie caratteristiche, meritiamo di essere considerati".

Sull'esplorazione umana di Marte, "mi piace pensare che il ragazzo o la ragazza che andranno su Marte siano già nati" ha detto Parmitano aggiungendo che il suo consiglio, per un futuro che non è ancora nell'orizzonte del visibile, "è di non perdere di vista il nostro pianeta, di guardare al pianeta rosso come a un anelito. Il nostro destino come umanità è ancora qui, sulla Terra".

L'astronauta ha invitato poi i ragazzi a studiare tanto. "Lo studio è un investimento. I ragazzi hanno un bene che noi invidiamo, ed è il tempo, che va speso e va speso bene, investendo su qualcosa che ci possa aprire tutte le strade. Studiare è importante per poter vivere una vita senza barriere, senza limiti e soprattutto senza paura. L'antidoto alla paura è la conoscenza".

Le 12 classi vincitrici della settima edizione di "Scrittori di Classe", premiate oggi da Luca Parmitano, sono: Classe 2A, Scuola Primaria "M. Moretti" di Cesena (Forlì-Cesena); Classe 4B, Scuola Primaria paritaria "SS. Sacramento" di Frascati (Roma); Classe 3C, Scuola Primaria "Don Milani" di Giulianova (Teramo); Classe 4A, Scuola Primaria "Viale Giotto" di Grosseto; Classe 3A, Scuola Primaria "Macchiagodena Capoluogo" di Macchiagodena (Isernia); Classe 2B, Scuola Secondaria di primo grado "L. Sturzo" di Marsala (Trapani); Classe 3C, Scuola Primaria "B. Munari" di Monza; Classe 4A, Scuola Primaria "A. Alloesio" di Priocca (Cuneo); Classe 4C, Scuola Primaria "G. Leopardi - Pieve via Kennedy" di Reggio Emilia; Classe 1B, Scuola Secondaria di primo grado "S. Filomena" di San Giovanni in Marignano (Rimini); Classe 5A, Scuola Primaria "via Sicilia Serramanna" di Serramanna (Sud Sardegna).

Le 12 storie saranno pubblicate in un unico grande volume intitolato "Storie Spaziali", arricchito dagli approfondimenti a cura dei partner scientifici del progetto, che sarà disponibile nei punti vendita ad insegna Conad aderenti all'iniziativa in tutta Italia a partire dal 22 febbraio 2021. E non è escluso, ha detto il presidente dell'Asi, che qualcuna di queste storie venga lanciata verso l'orbita lunare grazie all'iniziativa "L'Agenzia spaziale italiana ti porta sulla Luna", che ha offerto a chiunque la possibilità di inviare immagini, canzoni e poesie da mandare, salvate su una chiavetta USB, in orbita intorno al nostro satellite, in occasione della prima missione del programma lunare Artemis, di cui l'Italia è partner con NASA ed ESA.